Roulette russa: il cinismo di stato contro l’ondata rivoluzionaria

<p class="has-drop-cap" value="<amp-fit-text layout="fixed-height" min-font-size="6" max-font-size="72" height="80">Dopo un esilio durato più di quattro mesi, Alexey Navalny trova i suoi persecutori e ne fa i nomi in una pubblicazione di Bellingcat, seguito da un video non meno interessante sulla vicenda dell’avvelenamento fallito.Dopo un esilio durato più di quattro mesi, Alexey Navalny trova i suoi persecutori e ne fa i nomi in una pubblicazione di Bellingcat, seguito da un video non meno interessante sulla vicenda dell’avvelenamento fallito.

Putin critic Navalny detained on his return to Russia | Financial Times

Dopo aver notificato le autorità sul suo rientro in Russia, l’oppositore viene ammanettato e portato in carcere dove gli viene ufficialmente dichiarato l’arresto. Un video successivo pubblicato da Navalny punta il dito direttamente a Putin. Questo viene accusato di aver preso tangenti, la più grande e tangibile delle quali è un palazzo di 18 mila metri quadri sulla costa del Mar Nero. Lo Zar smentisce cinicamente le accuse, alludendo al fatto che del palazzo si conosceva già da tempo e nulla di nuovo è stato svelato, inchieste categorizzate come fake news dal Presidente. Le dichiarazioni di Putin non hanno convinto una parte della popolazione che a fine gennaio è uscita in piazza per protestare contro gli eccessi ormai palesi del Capo di Stato. Scontri e arresti, è questo il bilancio delle manifestazioni più numerose degli ultimi anni in Russia.

Anticipando il crescendo dell’indignazione popolare, Putin discute con i suoi ministri un piano da oltre 6 miliardi di dollari di aiuti economici alle fasce di popolazione più colpite dalla crisi Covid, aiuti precedentemente negati ma ora riconosciuti, nonostante a livello ufficiale la pandemia sia quasi debellata grazie al vaccino Sputnik V che il presidente si è recentemente rifiutato di fare.

Putin e l’avversione al dissenso

Con la caduta della Cortina di Ferro Vladimir Putin si rivelò la persona giusta per riequilibrare i rapporti tra lo Stato e i veri detentori del potere nel paese, gli oligarchi.

Nominato Presidente il 31 dicembre del 1999, Putin assegnò i posti chiave nel Paese ai i suoi fedelissimi. Da quel momento in poi lo sceriffo era uno ed uno solo e non vi era dubbio su dove venivano prese le decisioni. Il Cremlino si trasformò nel baricentro del potere e la Duma insieme al Consiglio della Federazione fungevano da centri di potere periferici dove le decisioni venivano formalizzate in disegni di legge. In un simile contesto il dissenso da parte di alcuni non era inaspettato.

Diversi oppositori hanno cercato di far luce su schemi di corruzione e abuso d’ufficio del Presidente, subendo maltrattamenti, tentativi di repressione e, in fine, uccisioni che hanno fatto notizia in tutto il mondo, da Politkovskaya a Nemtsov.

Russia’s Milestones Are Gravestones

https://www.rferl.org/a/nemtsov-murder-russia-political-killings-putin/28586632.html

By RFE/RL

Negli ultimi anni una voce si è sentita più di tutte, quella di Alexey Navalny, giovane avvocato che ha deciso di mobilitare le masse contro Putin in maniera creativa, attraverso video inchieste per svelare la corruzione nei ranghi più alti del potere. Un attacco imperdonabile contro le autorità al quale, come vedremo successivamente, Cremlino ha risposto con forza, forse questa volta troppa. Un boomerang che è tornato a colpire il Presidente russo come mai prima nei suoi oltre vent’anni al comando del Paese.

Global population growth or How the big countries become even bigger?

This week the United Nations published their forecast on global population growth for the next 80 years. It’s an important dataset calculated by one of the best statisticians from around the world and it gives a shape for some economic and social programes which depend obviously on this kind of researches, at least it’s a good indicator of nowadays social policies whitin different continents and countries.

Let’s not talk too much and go directly to the data.

world

The graphic above shows a clear global trend of growth untill 2100, expressed in +157% increase (based on median curve). The image is changhing when we go deeper and the result is more unexpected than we could have thought.

world over 0-24

While the aggregate growth is clear there is the young population which keeps increasing slowly.

world over 70

And now you see a substantial growth of adult subjects, it means the old population increases and so do the cost of its maintenance (healthcare, social insurance, public debt).

Now let’s take a look on different continents and their population flows.

Asia

The Asian continent, among the others, is the most rapidly growing in terms of income and and investments. To fit in with its needs, Asia is obligated to maintain a high level of population growth that must absorb market’s huge offer. But there is still place for outgoing and so asians are mooving in great numbers outside their own countries.

china

China – The population of People’s Republic of China (Taiwan, Hong Kong and Macau excluded) is supposed to decrease by -29% to 1 billion until 2100 from its peak which will be reached by 2030. It could be explained by the simple fact that the new genereations will grow their standards of life and correlate it to those of the West, making less children than it was in the past. A big part of chinese are already mooving out the country choosing as their new home Europe, Australia and North America. The connections that these emmigrants have with their homeland will represent a huge leverage for China in its global policies, strenghtening its ties with the rest of the world, especially with its most important financial and economic centres where chinese companies are actually present and largely represented.

india

India – The biggest democracy of the panet will face a huge growth of population and it’s meant to reach 1.7 billion until 2060 (+30% increase in comparison with actual data that summs 1.3 billion people) to reverse its trend and decrease by -12% at the end of the century. The external investments in India continue arriving due to its promissing forecasts and a huge internal market which, by the way, needs more regulation and predictability in order to be more efficient for both internal and foreign capital.pakistan

Pakistan – This central Asia state is goind to double its population by 2100 with an increase of +84% compared to actual available data which means Pakistan is going to become one of the most dense populated countries on the world. The forecast is pretty clear, Pakistan will grow until 2080, when it will reach its peak at 390 milions inhabitants and will keep maintaining this quote for a long period.

Africa

Africa is one of the biggest continents by surface and it’s becoming also one of the most populated, despite the famine and civil wars which are spread across the continent. The economic and social growth is linked mostly to Africa’s baby-boom during last decades and the trend seems to continue for a very long time.

nigeria

Nigeria – one of the richest african countries due to it’s huge oil reserves is also known for the presence of Boko Haram, a terrorist organization which pledget allegiance to the Islamic State of Iraq and Levante (ISIL, ISIS, Daesh). Despite corruption and social insecurity, the nigerian population keeps its positive trend of growth and is supposed to increase by +400% until 2100. It’s a colosal growth that seems to be unsustainable for the  country with limited agricultural resources and prices for crude oil decreasing for the last 5 years. The most realistic scenario in that case will be a mass exodus of nigerians outside their homeland in search for a better life. Due to its ties with the Albion (of which Nigeria was a colony in the past) the country will provide a huge amount of human capital for the U.K. but with no professional skills behind.

south africa

South Africa – Part of the BRICS, South Africa is an emerging county with huge potential and a cultural richness like few others. It’s fertile soil and rich in minerals underground are providing SA with mostly all the necessary commodities. Despite the fact that South Africa is a prevalent black country, its population adopted a western style of living that means less children while focusing on career and self development. But that consideration isn’t a premise for stoping growing and so South Africa is going to reach 75 milion inhabitants (+36%) by the end of 2080’s and stabilize that level for the next years.

Middle East

The battleground of interests, the Middle East, is nowaday one of the most dangerous areas in the world. Despite all the problems the local population keeps its own tradition of big family and so the number of inhabitants continues to growing.

iraq

Iraq – After its invasion in 2003 by the American troops, a sectarian war which started in 2006 and the insurgent suni-lead actions that grew up into a co-existence of the official Government and a terrorist entity on its north-western territory, Iraq is facing a multilateral threath. The war that took thousands of human lifes did non stop the growth and so by the end of the century, in case of its survival as a State, its population will reach 140 milions (+350%). During short period of 2014/2015 iraqis were fleeing their homes in order to save their lifes from ISIS, the most significant part of them flew to Europe or at least tried to arrive there, many of them are displaced now in Turkey, Lebanon or Jordan.

iran

La Russia nel Mediterraneo (Audio)

La Federazione Russa, lo stato più grande per l’espansione geografica, cerca a conquistare un posto sulla scacchiera politica mondiale diventando un attore globale in contrasto con il statement di Barack Obama, l’ex presidente americano, nel marzo del 2014 durante il summit per la sicurezza nucleare all’Aia, Paesi Bassi.

Partendo da questa retrospettiva il Limes Club Bologna, presso il centro culturale Amilcar Cabral di Bologna, ha organizzato un evento intitolato: La Russia nel Mediterraneo, cogliendo in questo modo l’occasione per presentare il libro con lo stesso nome firmato da Pietro Figuera, socio del Limes Club e Laureato in Relazioni Internazionali presso l’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna, specializzato in Russia e Mediterraneo.

L’audio integrale di questo evento viene pubblicato in seguito.

In their search for independence, Catalans can resemble Brexiteers

But in a region plagued by corruption and unemployment, the nationalists may not win

If you look up from the bustle of the winter tourists thronging the streets of Barcelona, you will see some balconies draped with the estelada, a blend of the Catalan and Cuban flags that has become the banner of those who want their land to become independent. There are fewer than there were, but still enough to inspire the Catalan regional government’s pledge that 2017 will be the year when it will hold a binding referendum on independence. Since the Spanish government refuses to contemplate such a vote, a confrontation seems inevitable.

Indeed, it has already begun. Some 300 Catalan officials face court cases for flouting the law, in acts ranging from a previous unilateral effort in 2014 to organise an independence vote to petty protests, such as flying the estelada from town halls. Carles Puigdemont, the president of the Generalitat (the Catalan government), promises to push through “laws of disconnection” in the summer, such as one setting up its own tax agency, prior to holding a referendum, probably in September. His pro-independence coalition has a majority in the Catalan parliament. On December 14th 2016 Spain’s Constitutional Tribunal warned the Generalitat that the referendum would be illegal. Spain could face unprecedented defiance of its democratic constitution.

How has it come to this? Spain’s democratic constitution of 1978 gave Catalonia, one of the country’s most prosperous regions, more self-government than almost any other part of Europe. The Generalitat controls not just schools and hospitals but police and prisons. It has made Catalan the main language of teaching. Under Jordi Pujol, the skilful moderate nationalist cacique (political boss) who headed the Generalitat from 1980 to 2003, Catalonia was content with this settlement, using its votes in the Madrid parliament to extract increments to it powers and revenues.

Two things upset matters. The first was when the Constitutional Tribunal in 2010 watered down a new autonomy statute, which recognised Catalonia’s sense of nationhood and granted additional legal powers to the Generalitat. It had been approved by referendum in Catalonia and by the Spanish parliament. The second factor was the economic crisis after the bursting of Spain’s property bubble in 2008.

The following year saw the first of several demonstrations blaming Madrid, rather than Artur Mas, Mr Pujol’s heir, for austerity. Support for independence surged from less than 25% to more than 45%. “Society moved towards more radical positions,” thinks Joan Culla, a historian. Others see this as at least in part induced by the Generalitat, with its money and powerful communications machine. It allowed the nationalists to keep power, despite budget cuts and revelations that for decades they had taken rake-offs on public contracts.

Catalan society remains split. “There aren’t the numbers to advance [to independence] but there’s enough to make a lot of noise,” says Jordi Alberich of the Cercle d’Economia, a business group.

This stand-off has been politically profitable not just for the Catalan nationalists but also for Mariano Rajoy, Spain’s prime minister, and his conservative People’s Party. His unyielding defence of his country’s territorial unity is popular in most places outside Catalonia. For years Mr Rajoy did nothing to respond to Catalan grievances, some of which are justified. Catalonia pays more into the central kitty than it gets back. Its transport systems have been neglected while Madrid has spiffy metro lines and a surfeit of motorways.

Yet weariness with the deadlock has taken hold, in both Barcelona and Madrid. Last month Mr Rajoy put his deputy, Soraya Sáenz de Santamaría, in charge of the Catalan question. She is putting feelers out to the Generalitat. Mr Puigdemont has published a list of 46 points to negotiate. It starts with the “binding referendum”.

It is not hard to divine the contours of a deal. Mr Rajoy could offer concessions on financing and infrastructure. More controversially, he could propose recognising the Catalan language or that Catalonia is a nation within Spain. All this might trim support for independence to 25% or so.

The toughest issue is the referendum. This is no moment to contemplate any sort of plebiscite with equanimity. Catalan nationalists claim to be exemplary pro-Europeans. But there are many echoes of Brexit in Catalonia. Instead of Brussels, it is Madrid the nationalists accuse of stealing Catalans’ money. They argue that independence would be quick and easy. “The great growth in support for independence from 2012 was the first manifestation of populism in Spain,” says Javier Cercas, a writer who lives in Barcelona.

Mr Puigdemont insists that blocking the referendum “would be bad news for democracy”. He is prepared to negotiate its timing. But he adds: “We won’t easily renounce it. I think we’ve earned the right to be heard.” Some in Barcelona believe the Generalitat’s leaders are searching for a dignified way to back down. Mr Puigdemont talks also of “constituent” elections to found a new state. But his party, clouded by corruption, may suffer. The Catalan variant of Spain’s left-wing Podemos, which already runs Barcelona’s city government and which is forming a new, broader, party, is likely to gain ground. It wants Catalonia to form part of a “plurinational” Spain, a cleverly vague formula.

“Is being part of Spain a problem in the daily life of Catalans?” asks Inés Arrimadas of Ciudadanos, an anti-nationalist party that leads the opposition in the Catalan parliament. “For us the problems of Catalonia are unemployment, poverty and corruption.” The longer the deadlock lasts, the harder Mr Puigdemont may find it to persuade Catalans otherwise.

Original post by The Economist

Adapted by vladgonta.com

Big data: The next frontier for innovation, competition, and productivity

Big data will become a key basis of competition, underpinning new waves of productivity growth, innovation, and consumer surplus—as long as the right policies and enablers are in place.

The amount of data in our world has been exploding, and analyzing large data sets—so-called big data—will become a key basis of competition, underpinning new waves of productivity growth, innovation, and consumer surplus, according to research by MGI and McKinsey’s Business Technology Office. Leaders in every sector will have to grapple with the implications of big data, not just a few data-oriented managers. The increasing volume and detail of information captured by enterprises, the rise of multimedia, social media, and the Internet of Things will fuel exponential growth in data for the foreseeable future.

Deep analytical talent: Where are they now?

Research by MGI and McKinsey’s Business Technology Office examines the state of digital data and documents the significant value that can potentially be unlocked.

immagine

MGI studied big data in five domains—healthcare in the United States, the public sector in Europe, retail in the United States, and manufacturing and personal-location data globally. Big data can generate value in each. For example, a retailer using big data to the full could increase its operating margin by more than 60 percent. Harnessing big data in the public sector has enormous potential, too. If US healthcare were to use big data creatively and effectively to drive efficiency and quality, the sector could create more than $300 billion in value every year. Two-thirds of that would be in the form of reducing US healthcare expenditure by about 8 percent. In the developed economies of Europe, government administrators could save more than €100 billion ($149 billion) in operational efficiency improvements alone by using big data, not including using big data to reduce fraud and errors and boost the collection of tax revenues. And users of services enabled by personal-location data could capture $600 billion in consumer surplus. The research offers seven key insights.

1. Data have swept into every industry and business function and are now an important factor of production, alongside labor and capital. We estimate that, by 2009, nearly all sectors in the US economy had at least an average of 200 terabytes of stored data (twice the size of US retailer Wal-Mart’s data warehouse in 1999) per company with more than 1,000 employees.

2. There are five broad ways in which using big data can create value. First, big data can unlock significant value by making information transparent and usable at much higher frequency. Second, as organizations create and store more transactional data in digital form, they can collect more accurate and detailed performance information on everything from product inventories to sick days, and therefore expose variability and boost performance. Leading companies are using data collection and analysis to conduct controlled experiments to make better management decisions; others are using data for basic low-frequency forecasting to high-frequency nowcasting to adjust their business levers just in time. Third, big data allows ever-narrower segmentation of customers and therefore much more precisely tailored products or services. Fourth, sophisticated analytics can substantially improve decision-making. Finally, big data can be used to improve the development of the next generation of products and services. For instance, manufacturers are using data obtained from sensors embedded in products to create innovative after-sales service offerings such as proactive maintenance (preventive measures that take place before a failure occurs or is even noticed).

3. The use of big data will become a key basis of competition and growth for individual firms. From the standpoint of competitiveness and the potential capture of value, all companies need to take big data seriously. In most industries, established competitors and new entrants alike will leverage data-driven strategies to innovate, compete, and capture value from deep and up-to-real-time information. Indeed, we found early examples of such use of data in every sector we examined.

video courtesy: Forbes

4. The use of big data will underpin new waves of productivity growth and consumer surplus. For example, we estimate that a retailer using big data to the full has the potential to increase its operating margin by more than 60 percent. Big data offers considerable benefits to consumers as well as to companies and organizations. For instance, services enabled by personal-location data can allow consumers to capture $600 billion in economic surplus.

5. While the use of big data will matter across sectors, some sectors are set for greater gains. We compared the historical productivity of sectors in the United States with the potential of these sectors to capture value from big data (using an index that combines several quantitative metrics), and found that the opportunities and challenges vary from sector to sector. The computer and electronic products and information sectors, as well as finance and insurance, and government are poised to gain substantially from the use of big data.

6. There will be a shortage of talent necessary for organizations to take advantage of big data. By 2018, the United States alone could face a shortage of 140,000 to 190,000 people with deep analytical skills as well as 1.5 million managers and analysts with the know-how to use the analysis of big data to make effective decisions.

7. Several issues will have to be addressed to capture the full potential of big data. Policies related to privacy, security, intellectual property, and even liability will need to be addressed in a big data world. Organizations need not only to put the right talent and technology in place but also structure workflows and incentives to optimize the use of big data. Access to data is critical—companies will increasingly need to integrate information from multiple data sources, often from third parties, and the incentives have to be in place to enable this.

Original post by

James Manyika, Michael Chui, Brad Brown, Jacques Bughin, Richard Dobbs, Charles Roxburgh, Angela Hung Byers here.

Adapted by vladgonta.com

The End of Globalism

Where China and the United States Go From Here

When it rains, it pours. As the Great Recession, eurozone crisis, stalled trade deals, increased conflict between Russia and the West, electoral revolts against European political elites, and finally Brexit followed the 2008 financial meltdown, it seemed clear that globalization was running out of steam. Yet few expected that its opponents would claim the top prize—the White House—and so soon.

World powers are now scrambling to react to Donald Trump’s paradigm-shifting election as president of the United States. Japanese Prime Minister Shinzo Abe, after repeatedly expressing concern about a potential Trump presidency and pointedly meeting with only Hillary Clinton before the election, rushed to New York for face time with the president-elect. European leaders have been more ambivalent, with German Chancellor Angela Merkel even putting conditions on working with Trump. And the Russians have seemed downright gleeful; in a congratulatory note, Russian President Vladimir Putin wrote that Trump’s victory could bring “a constructive dialogue between Moscow and Washington on the principles of equality, mutual respect and real consideration.”

Yet the feelings of perhaps the most consequential power—China—remain somewhat unclear. During the campaign, China was a primary target of Trump’s dissatisfaction with trade. Yet Trump’s likely jettisoning of the Trans-Pacific Partnership (TPP) trade agreement would immediately benefit China. And for obvious reasons, his anti-interventionist foreign policy outlook suits the Chinese. For now, there are signs that Beijing is still processing the enormous development and is calibrating its response.In the new era ushered in by Trump’s victory, the Chinese have the most to gain—or to lose.

It better hurry. In the new era ushered in by Trump’s victory, the Chinese have the most to gain—or to lose. And as the world’s second-largest economy and its largest trading nation, China’s response could mean the difference between prosperity and stagnation, and even war and peace, around the world.

THE RISE AND FALL OF GLOBALISM

Globalization started as an innocent enough concept in the 1970s: the world was becoming increasingly connected through trade, investment, travel, and information. But after the Cold War, it was injected with an ideological component: globalism. And now one can hardly distinguish between the two.

Globalism is rooted in the neo-liberal doctrine of the Washington Consensus, which was initiated by the first post–Cold War U.S. president, Bill Clinton, and carried out by the successive administrations of George W. Bush and Barack Obama. It envisioned a world moving inextricably toward the adoption of a unified set of rules and standards in economics, politics, and international relations. National borders would gradually lose relevance and even disappear. Cultural distinctions would give way to universal values. Electoral democracy and market capitalism would spread the world over. Eventually, all countries would be governed in more or less the same way.

The process would be backed by the United States’ hard and soft power. Indeed, it was partially according to this logic that neo-liberalism’s offspring, the neo-conservatives and liberal interventionists, took America to war in Afghanistan and Iraq. And therein lies the problem; globalism was a Trojan Horse. It devoured globalization, turning it into a force that seemed unstoppable until it collapsed under the weight of its own hubris.

In the West, the leading disciples of globalism became its greatest beneficiaries. Wealth and power concentrated at the top, among the owners and deployers of capital, who favored free trade, multiculturalism, multilateral institutions, and even regime change and nation building in foreign lands. But their vision harmed the vast majority that constituted the middle class. Just one generation after winning the Cold War, the United States saw its industrial base hollow out, its infrastructure fall into disrepair, its education system deteriorate, and its social contract rip apart.

Beyond the economic damage, changes in social values propagated by globalism threatened social cohesion. The political scientist Robert Putnam captured the process best in his important book, Bowling Alone, in which he described in painful detail the collapse of American communities. In the name of globalization, in other words, American elites had been building an empire at the expense of a nation.

The same thing happened in Europe. Technocrats in Brussels, along with their allies in national capitals, pushed an ever-expanding set of standards onto an ever-expanding European Union, relegating to the backburner the interests of the people in its member states. In some European countries, youth unemployment reached and stayed at 50 percent.

Now the globalist elites have been overthrown at the very same ballot box that used to sustain their rule.

BRIAN SNYDER / REUTERS A Trump supporter leaves a rally for Democratic primary candidate Bernie Sanders in New York, April 2016.
BRIAN SNYDER / REUTERS A Trump supporter leaves a rally for Democratic primary candidate Bernie Sanders in New York, April 2016

THE VIEW FROM BEIJING

China, more than any other developing country, has benefited from globalization. It saw itself transform from a poor agrarian economy into a global industrial powerhouse, all while lifting more than 600 million people out of poverty. Yet China chose to engage globalization on its own terms, embracing connectivity while decisively rejecting globalism. In turn, China was able to strengthen its one-party political system and open its market according to its own national development priorities.

Perhaps sensing as much, Trump has taken to blaming China for many of the United States’ ills. This seems wholly unfair. Chinese leaders simply exercised their responsibility to do what was best for their people. They would have been in the wrong if they hadn’t. But it is also wholly understandable and justified for Trump to want to do what is best for the American people—to put, as his slogan goes, “America First.”

Rather than balking, China should see this as a teachable moment. The awakening of a large portion of the American people should not be viewed as a wholesale rejection of China or as a precursor to unavoidable and fundamental conflicts. Rather, it should be seen as a study in how to engage the United States in a new era.

The lesson comes at an important moment. China’s opinion leaders tend to get their information about the United States from American elites. So they are just as disconnected from Middle America as those in the country’s own newsrooms and think tanks. As such, they are susceptible to seeing Trump’s supporters as “deplorables,” as Trump’s rival, Hillary Clinton, put it, who are racist, uneducated, and misogynistic. And that would be a grave misjudgment.

China would do better to look in the mirror to understand the ways in which the United States and Europe are changing for good. The Chinese have been among the loudest voices criticizing the one-size-fits-all model of globalism and calling for the world’s nations to be allowed to pursue their own development paths. As Chinese President Xi Jinping famously said, “One could only know if a pair of shoes are good by wearing them.” Trump, it seems, is ready to try on some new ones for America.  Meanwhile, Trump’s non-interventionist approach to the world—he has emphasized that it was “a dangerous idea that we could make Western democracies out of countries that had no experience or interest in becoming a Western democracy,”—must hearten the Chinese.

No doubt, there will be conflicts as Trump pursues American national interests. But the grievances behind his rise deserve China’s attention and due respect. If, for example, Trump were to be less friendly to China on trade, as is expected, China would do well to exercise a degree of restraint. If it responds with tit-for-tat escalation, the risk of a geopolitical conflict is real. In such a scenario, both China and the United States would lose.

ROOM TO MANEUVER

Chinese leaders, having proved wise over so many years, should see unprecedented opportunities to pursue common interests with Trump’s America.

China’s ideas are fundamentally compatible with Trump’s vision. Strong sovereign nations are paramount to a functioning international system. The primacy of culture must be recognized, and enforcing uniform rules should never take precedence over national considerations. Multilateral institutions, moreover, should not be used to suppress bilateral engagements when bilateral arrangements are more effective. All these statements could have been uttered by Trump or by Xi.

On a practical level, there is a wide range of policies that could benefit both the United States and China. One of Trump’s most important initiatives is to rebuild America’s decrepit infrastructure. He has promised one trillion dollars in spending, which might not even be enough. His is a laudable goal that would infuse the U.S. economy with much-needed vitality by creating jobs and by building new roads, airports, and dams and upgrading existing ones. But challenges, namely financial constraints and industrial capacity, abound.

Had the globalist elites been more modest in their goals, they might have been able to push their vision further. But it appears to be too late.

China understands a thing or two about building infrastructure. And as his many campaign speeches indicated, Trump knows it. On the campaign trail, Trump complained loudly that, compared with China, America’s infrastructure was “third world.” China could bring its considerable capacities to bear in the United States. For one, it could bring the United States into the Asia Infrastructure Investment Bank (AIIB) and supply industrial capacity on favorable terms and relatively quickly. This would significantly benefit China, which needs to deploy its excess capital and capacity. And there is no better place to do so than in its largest trading partner.

In the area of geopolitics, there are likewise significant common interests. Both Trump and China seem to recognize that the gravest threat to world peace comes from nonstate actors. One of the worst injuries globalism has inflicted on the world has been to weaken the state just as the threat of transnational terrorism has grown. By erasing national borders and diminishing the powers of national governments without providing a good replacement, globalism has created a more dangerous world. Over the years, of course, globalists have condemned China for a supposedly regressive insistence on protecting its national sovereignty. But China certainly seems to have fared better in protecting its people’s safety and interests. China and Trump’s America can find much common ground in that.

Even on trade, there is potential for convergence. The globalist elite narrative presents a dichotomy between free trade and protectionism. Anyone who eschews global standardization risks being labeled a protectionist. (In fact, China has frequently been accused of protectionism on those grounds.) But the globalists’ dichotomy is false. It is possible to promote trade and to protect legitimate national interests at the same time. For example, China’s proposal for trade expansion in Asia Pacific, the Regional Comprehensive Economic Partnership (RCEP), specifically allows for many differentiations on tariffs and industry standards based on participating countries’ varied economic and political conditions.

rtx2eawx

By contrast, Obama’s TPP was solely designed to enforce a set of uniform rules regardless of the particular requirements of nations at very different stages of development. Ironically, many Americans now see the agreement as unsuitable to their country’s own needs.  As China restructures its economy to rely less on exports and more on domestic demand and service industries, which are higher value-add, and as the United States seeks to rebuild productive capacity, the two countries are in a good position to explore new approaches to expanding their trade.

Last but not least, Trump seems to intuitively grasp the damage done to the United States by what the historian Paul Kennedy called imperial overreach. The desire by American elites to remake the world in their country’s own image has cost them—and the world—dearly. The United States has less than five percent of the world’s population and about 20 percent of its total GDP, but it accounts for 40 percent of its total military expenditures (that figure reaches half in some years). Trump has said that he would like to curtail such interventionism, and global elites have derided him as isolationist. But there is plenty of room between a United States that insists on telling other countries how to govern themselves and total disengagement. For example, the United States should remain engaged on Middle East issues, but end efforts at regime change or nation building there.

It is very much in China’s interest to encourage Trump’s shift away from an ideologically driven worldview. And, as the second largest economy in the world, China has a responsibility to help maintain global stability. It could do so by moderating its own geopolitical postures in the Asia Pacific so as to foster a more peaceful region, as it has already done with the Philippines. China could also share the burden in the Middle East, where it is fast becoming the region’s largest oil importer and has a long-term interest in stability.

A NEW WORLD ORDER?

Trump’s victory was not an accident. It was the culmination of structural changes within American society that elites had ignored for too long. These forces will continue to push the United States and the world down a different path than the one they’ve been on for 25 years now. It is critical that Chinese leaders see this reality and respond accordingly. If China gets it wrong, trade wars, geopolitical confrontations, and even military conflicts could follow. It would be a classic case of the Thucydides Trap, in which a rising power strikes fear in an established power and tensions escalate into war. The United States has legitimate reasons to place itself first in its dealings with the world. China, more than any other nation, should be capable of understanding that. And China, also more than any other nation, could offer Trump’s America room to successfully adjust its national priorities.

The death of globalism does not mean the end of globalization as the idea was originally understood. On the contrary, interconnectedness will probably continue to increase, driven by secular trends in technology and economics. Effective global governance, in other words, is needed more than ever. But it can no longer be based on the narrative of globalism.

The world needs a new order grounded not in twentieth-century ideological fault lines and the idea that history would soon reach its end, but in respect for diversity among nations, state sovereignty, and cultural integrity. Instead of trying to run the world according to a singular set of global standards, nations can cooperate freely in ways that are suited to their particular circumstances.  Only strong sovereign states can effectively cooperate with each other and, when appropriate, willingly moderate their sovereignties for the benefit of world order.

If we want a peaceful and prosperous twenty-first century, China should work with Trump’s America to develop that new future. Although competition between the two powers will be unavoidable, their now-shared outlooks on the world and common interests far outweigh their differences. Indeed, China’s leaders would be well advised to hear what Trump had to say in a major foreign policy speech last April: “We desire to live peacefully and in friendship with Russia and China. We have serious differences with these two nations, and must regard them with open eyes, but we are not bound to be adversaries. We should seek common ground based on shared interests.”

With so much doomsday thinking—so many dire predictions about what’s going to happen to America and the world—a dose of optimism is needed. China harbors no designs to somehow replace the United States as the dominant world power. It naturally seeks to reclaim a leadership position in its neighborhood. And America needs to focus on rebuilding itself. If the two nations have the wisdom and pragmatism to work together on those goals, to live and let live, they can perhaps formulate a new consensus on global governance that will lead to a more stable world.

Globalism has committed suicide. A new world order has been born. Let’s engage it now.

Original post Here - Author 

Adapted by vladgonta.com

Trump contro tutti

Il nuovo padrone della Casa Bianca, il miliardario settantenne Donald J. Trump avrà da fare nei prossimi 4 anni del suo mandato. I migliori analisti della rivista italiana di geopolitica LIMES, invitati a Bologna presso l’Auditorium Unipol Banca, spiegano quali sono i ”goals” dell’amministrazione Trump e come il nuovo Presidente americano interagirà con il mondo nel contesto di crisi della globalizzazione che sta colpendo le economie mondiali, una crisi che, secondo gli analisti, ha permesso a un candidato così estravagante come Trump a diventare presidente del paese più potente del pianeta.

Intervengono:
  1. Federico Petronimoderatore, analista di geopolitica di Limes.
  2. Germano Dottori – analista politico di Limes.
  3. Dario Fabbri – responsabile per le Americhe di Limes.
  4. Demostenes Floros – analista per il mercato del petrolio e derivati di “Enel”, docente del corso di Master in relazioni economiche Italia-Russia presso l’Università di Bologna.

L’agenda politica dell’amministrazione Trump è un’enigma non solo per lo spettatore europeo ma anche per gli analisti americani e internazionali più sperimentati. Le politiche economiche e sociali negli Stati Uniti e le strategie di politica estera del nuovo leader della Casa Bianca tendono, secondo le parole dello stesso miliardario, in primo luogo a rafforzare il potere economico degli Usa proprio all’interno del Paese dove, secondo Trump, le aziende non investono più e da dove delocalizzano i processi produttivi.
La globalizzazione secondo il nuovo presidente americano ha portato via dagli Usa i posti di lavoro, specialmente in Cina, grande competitor degli americani, e Messico, il paese con il quale gli Stati Uniti hanno in comune, a parte tutto, una frontiera di 3000 km e un accordo internazionale di libero scambio chiamato NAFTA (North American Free Trade Agreement/USA+Canda+Mexico).
La spartizione poco equa della spesa militare all’interno della NATO, dove gli Usa sono il leader incontestabile, la problematica siriana e il contrasto geopolitico tra Washington e Mosca sono stati altri temi affrontati da Trump durante la sua campagna elettorale e saranno dei temi cardine nell’analisi delle mosse geopolitiche del nuovo timoniere della politica americana per i prossimi 4 anni alla Casa Bianca.


Prima di proseguire con le relazioni degli invitati il moderatore della discussione, professore e analista di Limes Federico Petroni, enuncia le domande intorno alle quali i relatori presenteranno i loro punti di vista, ovvero:

  • Quali sono i limiti della macchina imperialista americana?
  • Come si comporterà Trump durante il suo mandato, sia sul campo interno sia su quello internazionale?

Germano Dottori

Nella sua parola introduttiva, il professore Dottori afferma:

Il mondo cambierà Trump molto di più rispetto a quanto Trump cambierà il mondo.

Il mondo secondo Trump:

Libertà di stampa – Iniziando da capo, dobbiamo dire che siamo stati tutti quanti vittime di una campagna di disinformazione da parte delle agenzie di stampa italiana in concordanza con le agenzie americane pro Hillary. In questo senso il professore Dottori ricorda un’intervista concessa a un un giornalista freelancer, l’articolo non è stato pubblicato su The Huffington Post per motivi, come indicato nella mail di risposta, che era contrario alla politica editoriale pro Clinton dettata dal consiglio di amministrazione.

Il ”clown” con 15 bestseller – Parlando dell’ascesa di Trump, il professor Dottori ricorda come durante una serata organizzata all’Ambasciata degli Usa, nelle brochures distribuite dall’Ambasciatore trovò degli appunti su Trump che ipotizzavano come già nel 2014 il miliardario americano aveva delle idee chiare sul suo futuro presidenziale finanziando con mezzi propri le campagne elettorali di alcuni senatori. Trump non è un clown come lo descrissero la gran parte dei mass-media affiliati alla casata Clinto, bensì autore di 15 libri diventati bestseller tra cui il classico della letteratura The art of the deal.

Ricordiamoci – dice il professor Dottori – che non tante persone scrivono 15 libri nella loro vita, nemmeno la Hillary Clinto che tanto ha cercato di mostrare la carenza intellettuale del suo controcandidato.

Isolazionismo – Parlando del vettore estero, Trump, secondo Dotori, sostiene il ritiro degli Stati Uniti dai meccanismi della politica mondiale nel frattempo rafforzando la cooperazione con i principali attori regionali come la Russia per stabilizzare la pace mondiale e nello specifico quella nel Medio Oriente, il motivo di questa mossa sarà spiegato ulteriormente dal professor Floros.

Against terrorism – La lotta al terrorismo internazionale è una piattaforma perfetta per realizzare un accordo con la Russia per la spartizione delle zone d’influenza in Europa, il concetto tanto caro al presidente russo Putin ma del quale non può fare a meno nessun leader occidentale osservando le realtà geopolitiche odierne. L’alleanza Mosca-Tel Aviv-Ankara-Washington conquisterà, secondo Dottori, un peso immenso così come le relazioni dell’UE con la Russia sono destinate a migliorare in tal modo portando all’uscita dall’isolazione di Mosca e alla fine delle pressioni economiche dell’occidente contro il regime russo. In questo contesto, l’unico perdente sarà la Cina, il principale detentore del debito pubblico americano: 1451.8 $ miliardi compresa la quota di Hong Kong.

Gli Usa in Asia e nel Pacifico

Cina – Una mossa possibile di Trump potrebbe essere l’accusa contro i cinesi per il cambio sfavorevole dello yuan con il dollaro, motivo per il quale Trump potrebbe chiedere l’uscita del Paese dal WTO e in tal senso rovesciare la tavola del commercio internazionale in seguito all’uscita del maggior consumatore di materie prime e tecnologie al mondo, gli Usa.

Credits : Limes Italia
Credits : Limes Italia

Medio Oriente – Dal punto di vista di Dottori la vittoria di un candidato neo-conservatore come Hillary Clinton avrebbe accentuato l’aumento dell cosiddetto Islam politico e il peggioramento delle relazioni con la Russia fino a provare il forced regime change come successo in Ucraina nel 2014.

Dario Fabbri

Lo specialista per le Americhe di Limes, il professore Dario Fabbri racconta come il mondo secondo il Congresso americano sia totalmente diverso rispetto alla visione di Trump.

Il mondo secondo il Congresso

Le preferenze geopolitiche del Congresso:

  1. Le ostilità contro la Russia devono essere mantenute.
  2. Il Cogresso preferisce Fertullah Gulen a Recep Tayyip Erdogan.
  3. Intensificazione della lotta contro lo Stato Islamico e il regime di al-Assad.
  4. Cuba sotto embargo mente NAFTA deve esistere.

Secondo Dario Fabbri, è possibile fare una similitudine tra Roma, potenza che unificò le terre del Mediterraneo e in un certo senso fu il primo motore della globalizzazione, all’epoca della vittoria contro Cartagine, e gli Stati Uniti, l’impero moderno che attraversa una fase di trasformazione e transizione pur dominando l’arena politica ed economica mondiale. Nonostante la vittoria di Roma contro Cartagine e il controllo monopolistico da parte dei romani del bacino del Mediterraneo, proprio la capitale romana fu il luogo dov’è nato il malessere. Il Senato e il popolo romano consideravano i loro alleati come unici vincenti nella guerra contro Cartagine, beneficiando in tal senso di terre e ricchezza conquistate grazie proprio ai romani. Roma ha vinto il mondo ma non lo controllava, così come la classe media americana sostiene che la globalizzazione ha portato benefici a tutti tranne che agli Stati Uniti. Trump propone l’isolazionismo come cura contro gli effetti negativi dell’internazionalizzazione, una cura che potrebbe provocare un effetto shock non solo al paziente (Usa) ma anche al resto del mondo. Gli Stati Uniti vivono una fase di malessere pur essendo in crescita.

La nuova Cortina di Ferro – Secondo il relatore, la politica estera americana non cambierà molto sotto Trump rispetto a Obama, mente il contrasto con la Cina diventerà più evidente.

Demostenes Floros

Il professore Demostenes Floros, specialista Oil & Deriatives presso ENEL, spiega la politica di Trump per quanto riguarda il settore energetico, facendo alcune premesso sul consumo, sulla produzione e sul commercio di greggio, gas e altri minerali da parte degli Usa.

Agenda energetica di Trump.

   Le politiche dell’agenda del nuovo presidente americano per il campo energetico:

  1. Sostengo delle industrie Oil & Gas, Nuclear and Carbon.
  2. Politiche pro fracking, Shale Oil & Gas (fratturazione idraulica)
  3. Contenimento degli incentivi per le rinnovabili.
  4. Limitazioni dei poteri delle agenzie di regolamentazione in energetica.

Mondo – Il mix energetico del mondo: 33% petrolio, 29% carbone,  24% gas naturale, 3% rinnovabili, 4% nucleare, 7% idroelettrico.

Usa – Mix energetico degli Stati Uniti: 38% petrolio, 31% gas naturale, 17% carbone, 3% rinnovabili, 8% nucleare , 3% idroelettrico.

Fracking e QE – Nel 2015 gli Usa sono stati leader mondiale nella produzione di Oil & Gas con un volume di oltre 12,704 mil. barili al giorno, consumando nello stesso tempo 19,396 mil. barili al giorno. La produzione di gas mondiale era per il 22% costituita dal gas americano. Il professore Floros spiega che l’estrazione del gas da argille, avvenuto in seguito all’estrazione primaria del greggio, era conveniente quando il prezzo per i carburanti era di circa 115$/barile di petrolio, mentre ora i prezzi appena arrivano a 50$/barile. Un’altra problematica è rappresentata dal fatto che l’85% dei pozzi scavati con il metodo del fracking si svuotano in 1/2 anni, in questo modo incentivando le trivellazioni continue che, grazie alle politiche di espansione monetaria da parte della Federal Reserve americana (Quantitative Easing-QE 1,2,3) hanno aumentato gli investimenti a basso tasso d’interesse in questo modo incoraggiando nuovi imprese a entrare nel mercato ma una volta finita la politica di espansione i pozzi venivano chiusi e/o sigillati per un tempo indeterminato.

Prospettive – Date le considerazioni precedenti, la produzione di greggio nel 2015 è diminuita mentre le importazioni negli Usa del petrolio e derivati sono aumentate, in questo senso le politiche di Trump dovranno essere rivolte alla diminuzione dell’output di petrolio e il continuo contingentamento delle importazioni di Oil, gas & derivatives. E’ previsto che il gas arriverà alla fetta del 32% del mix energetico americano entro il 2030 e questa non può che incentivare Trump a investire risorse e capitali federali nello sviluppo dell’industria del gas naturale.

   L’oro del deserto – Secondo Floros l’accordo sul nucleare iraniano deve essere rivisto mente le basi militari degli Stati Uniti devono/potrebbero essere spostate nel Pacifico per accerchiare/contenere la Cina. L’85% delle esportazioni del Golfo Persico sono destinate alla Cina, India, Giappone e Korea del Sud.

Iran_Map_Flag_Surrounded_American_Military_Bases.jpg

Da qui il professor Floros enuncia 2 conclusioni:

Politica
   Lo spostamento verso Pacifico (leggersi: verso/contro la Cina) necessita una stabilizzazione del Medio Oriente, motivo per cui Trump vuole trattare con Putin sulla Siria e sul futuro della regione.

Economica
   Lo spostamento verso il Pacifico sarà difficile. Trump investirà negli Stati Uniti invece che spenderli nell’esercito (leggersi: NATO)


Una volta finiti gli interventi degli invitati, è giunto il momento delle domande di cui il sottoscritto non ha preso appunti perché a breve aggiungerà il video ufficiale del convegno con tutti i quesiti relativi posti dagli spettatori.

Terrorismo Internazionale: tra concetti ideologici e crudele realtà

Come promesso precedentemente, il sito vladgonta.com pubblica il lavoro intitolato: Terrorismo Internazionale: tra concetti ideologici e crudele realtà.

Il titolo precedente è stato sostituito a causa di eventi e congiunture maggiori nel processo della scrittura del testo quindi, adattando il titolo al vero senso che il documento vuole portare.

Buona lettura.

Vladislav Gonta

Founder and writer at vladgonta.com

Vlad Gonța's signature black

La rivoluzione d’ottobre: tra ideali marxisti e realtà russa

Un Paese arretrato

Intro – Nel 1914, l’impero zarista entrò in conflitto con l’Austria-Ungheria e la Germania, per sostenere la Serbia. Dominando un territorio vastissimo, dalla Polonia all’oceano Pacifico, l’esercito più numeroso d’Europa contava più di 15 milioni di uomini. Tuttavia, le forze armate russe erano più apparenti che reali, fatto dimostrato durante la pesante sconfitta che la Russia subì da parte dell’Impero Giapponese nel 1905. Pur riuscendo a mobilitare più di 6 milioni di uomini in tempi abbastanza brevi, l’armata russa disponeva solo di 5 milioni di fucili. Inferiore a quella tedesca nella quantità e qualità dei canoni e con un’insufficienza drammatica di munizioni, l’esercito zarista sembrò clamorosamente arretrato sin dai primi mesi della guerra.

La situazione politica – Dal 1894, il potere era nelle mani di Nicola II Romanov, erede del trono russo che giurò al momento della sua incoronazione la conservazione della lunga tradizione autocratica. In pratica questo concetto non era altro che una forma estrema di assolutismo, l’imperatore (lo zar) riteneva di aver ricevuto direttamente da Dio il proprio potere e quindi era responsabile solo di fronte al Signore. In ambito politico, l’impero russo era indietro di secoli rispetto all’Europa occidentale. Lo zar rifiutava la modernità e non amava San Pietroburgo, la nuova capitale costruita in stile occidentale. In questa città Nicola II aveva cercato di introdurre numerosi elementi architettonici e urbanistici che richiamassero Mosca, ricchissima di luoghi simbolici capaci di trasmettere il messaggio secondo cui lo zar era l’unico vero sovrano cristiano d’Europa, delegato da Dio. Nel 1905, dopo la guerra con il Giappone, era stata istituita una Camera dei deputati dotata di poteri di controllo sull’operato del sovrano e sulla politica del governo. Denominato Duma, tale organismo veniva sistematicamente scavalcato dall’imperatore, il reale detentore del potere.

Le difficoltà economiche – Sotto profilo economico tra la Russia e il resto d’Europa esisteva un vero e proprio abisso. Quasi l’80% della popolazione lavorava in campagna. L’agricoltura era molto arretrata sia nelle tecniche di lavoro sia nelle strutture sociali di base. La sterminata moltitudine dei contadini era prova di terra, costretta a lavorare alle dipendenze degli aristocratici in condizioni di estrema miseria. L’industria era concentrata in poche zone particolari e nelle grandi città, prima fra tutte la capitale, San Pietroburgo, che mutò il proprio nome in quello più slavo, di Pietrogrado.

La rivoluzione di febbraio

Intro – La guerra di logoramento mise alle corde la fragile struttura economica russa. All’inizio del 1917, dopo che l’esercito russo aveva accumulato serie impressionante di sconfitte e i disertori, la Germania, sul fronte orientale aveva già vinto la guerra. Nelle città il costo della vita, rispetto al livello prebellico, era cresciuto del 700%. I salari degli operai delle industrie, tra il 1913 e il 1917, furono triplicate, ma rimasero comunque al di sotto dei prezzi. Mancavano i più elementari generi di prima necessità (pane, legna, carbone), sicché la fame e il freddo si facevano prepotentemente sentire. A Pietrogrado, dove la situazione era particolarmente grave, il 23 febbraio 1917 si ebbero le prime manifestazioni.

Dagli scioperi all’abdicazione dello zar – L’iniziativa della protesta partì dalle operaie degli stabilimenti tessili, ma subito si mobilitarono anche i 30 mila lavoratori delle grandi officine metallurgiche. I dirigenti minacciarono la chiusura della fabbrica e il licenziamento per tutti coloro che non avessero ripreso subito il lavoro. Il risultato, però, fu solo un allargamento ulteriore della protesta: il 24 e il 25 febbraio per solidarietà tutta la città fu bloccata da un gigantesco sciopero generale. Le autorità fecero ricorso all’esercito ma solo pochissimi soldati accettarono di sparare sulla folla. Il 1 marzo, mentre a Pietrogrado nasceva un governo provvisorio, il comandante in capo dell’esercito, generale Alekseev, ordinò la fermata dell’esercito e suggerì allo zar di abdicare, sperando di poter accontentare le masse per poter proseguire la guerra contro la Germania. Il 2 marzo Nicola II accettò di abdicare e la Russia divenne una repubblica.

L’istituzione dei soviet – Presieduto dal principe Georgij L’vov, il governo provvisorio era stato nominato dalla Duma. In quella sede, il gruppo politico prevalente era quello dei liberali moderati. Fuori dalla Duma, tuttavia, fra gli operai e fra i soldati, erano subito sorti degli organi di autogoverno detti ”soviet” (consigli). Si trattava di un’istituzione nata durante la rivoluzione del 1905, in seguito della clamorosa sconfitta con il Giappone. Per ogni fabbrica e ogni reggimento veniva eletto un certo numero di delegati, concorrevano a formare il soviet cittadino. La forza del soviet di Pietrogrado derivava il primo luogo dall’appoggio dei soldati.

L’ordine n. 1 – Dopo la prima seduta, era stato steso un documento denominato Ordine n. 1, una dichiarazione in cui si metteva in discussione l’autorità dei comandi militari e di qualsiasi altro soggetto che impartisse ordini ai soldati. Poiché la maggior parte dei soldati era di origine contadina, agli ufficiali fu vietato di atteggiarsi in modo arrogante verso i subordinati e, soprattutto, di interpellarli con il tu. Il punto più importante era costituito da una proclamazione in base alla quale i soldati riconoscevano il soviet di Pietrogrado come unica autorità, impegnandosi a obbedire agli ordini di qualsiasi altro soggetto nella misura in cui non fosse in conflitto con quello del consiglio operaio rivoluzionario (soviet). Il governo provvisorio era ancora in via di definizione, quando assunse i pieni poteri l’Ordine n .1 non fu revocato, cosicché la nuova autorità si trovò in una situazione di estrema debolezza.

L’inizio di una nuova epoca – Come accaduto dopo le 2 grandi rivoluzioni europee del passato, in Inghilterra (1688) e in Francia (1789), il problema che si pose ai protagonisti rivoluzionari era quello dell’indirizzo da dare al nuovo Stato, e più in generale, al processo rivoluzionario appena innescato. Si trattava di decidere se la rivoluzione fosse da considerare già conclusa, oppure se fosse solo al suo inizio. Nella primavera del 1917 esisteva un dualismo di poteri: all’autorità ufficiale del governo provvisorio si contrapponeva quella non meno reali dei soviet. La sorte della rivoluzione e l’indirizzo che essa avrebbe assunto sarebbero stati decisi dalla capacità di uno dei due poteri di sottomettere l’altro.

La questione del potere

Intro – In un primo tempo sembrava che la rivoluzione russa dovesse limitarsi ad abolire l’assolutismo e a concedere i diritti fondamentali dell’uomo e del cittadino, Verso questa prospettiva erano orientati non solo i liberali, ma anche i principali esponenti del marxismo russo. Secondo l’ideologia espressa dal filosofo tedesco Karl Marx nel suo libro ”Il Capitale”, essi (i marxisti russi) ritenevano che non fosse alcun modo possibile instaurare il socialismo, in una situazione in cui l’80% della popolazione era ancora composta da contadini. Non si poteva assolutamente saltare la fase borghese e capitalistica della storia passando direttamente dall’assolutismo e dal feudalesimo al socialismo.

Idee per una rivoluzione: menscevichi e bolscevichi – Il marxismo si era diffuso in Russia alla fine dell’Ottocento; un gruppo di intellettuali aveva fondato il Partito socialdemocratico russo e questo aveva infine aderito alla Seconda internazionale. Fin dal 1903, tuttavia, i marxisti russi erano divisi in due correnti. Afronte di una tendenza risultata in un primo tempo minoritaria (menscevica) stava l’agguerrita corrente dei cosiddetti bolscevichi (bolsce = più grande). I menscevichi incarnavano il marxismo ortodosso mentre i bolscevichi erano più radicali e disponibili a soluzioni rivoluzionarie più decise. La spaccatura era nata a proposito della struttura da dare al partito; i menscevichi propendevano per un partito di massa efficiente durante le elezioni libere che potevano essere svolte una volta le condizioni russe fossero mutate, i bolscevichi, all’opposto, erano favorevoli a un partito elitario, composto da un numero ristretto di militanti fedeli alla causa marxista.

Lenin e le tesi di aprile – A capo della corrente bolscevica stava Vladimir Uljanov, che dal 1902 aveva assunto lo pseudonimo Lenin (dal fiume russo Lena). Al momento dello scoppio della rivoluzione di febbraio, Lenin si trovava in esilio a Zurigo dove prese contatto con le autorità militari tedesche e chiese di poter far ritorno in Russia, attraversando la Germania. I tedeschi compresero subito che la presenza in Russia di un prestigioso capo rivoluzionario avrebbe accresciuto il disordine e, quindi, limitato l’efficienza bellica del paese. Lenin arrivo a Pietrogrado il 3 aprile 1917; il giorno seguente proclamando la sua intenzione di forzare i tempi, in modo che la rivoluzione passasse il più rapidamente possibile dalla fase borghese a quella proletaria (vedi ”La questione del potere/Intro). Le sue direttive politiche vennero condensate nelle cosiddette tesi di aprile, un breve documento articolato in dieci punti. Il leader bolscevico insisteva sul fatto che occorreva giungere il più in fretta possibile a una pace separata della Russia con la Germania: al contrario, il governo provvisorio si era impegnato con le potenze dell’Intesa a non uscire dal conflitto. Il governo insisteva sul fatto che la sconfitta militare avrebbe travolto tutte le conquiste della rivoluzione. A questa tesi del difensivismo rivoluzionario, Lenin opponeva l’idea secondo cui la guerra era lo sbocco inevitabile delle contraddizioni del capitalismo.

Un’epoca adatta per la rivoluzione – All’inizio del 1917, Lenin aveva pubblicato L’imperialismo fase suprema del capitalismo, un’opera in cui affermava che l’economia capitalistica si era profondamente modificata.Dopo la nascita dei grandi monopoli i profitti erano diventati talmente elevati che, secondo Lenin, non era più possibile reinvestirli entro i confini nazionali. La guerra mondiale, per Lenin, era la conclusione di questo processo. Una volta compiuta la ripartizione dell’intera Terra tra le grandi potenze capitalistiche, ciascuno stato industrializzato cercava di strappare con la forza ai rivali nuove regioni dove investire i capitali in eccesso, pena il collasso dell’intero sistema. Tramite questo concetto di imperialismo, inteso come fase suprema del capitalismo, Lenin poteva giustificare la propria convinzione che le condizioni per la realizzazione del socialismo si fossero ormai verificate.

Le prime fasi della rivoluzione d’ottobre

Intro – Il 10 ottobre 1917, a Pietrogrado, si tenne una burrascosa seduta del comitato centrale del partito bolscevico. Malgrado l’opposizione di alcuni dirigenti prestigiosi, Lenin riuscì a imporre la propria linea d’azione, favorevole all’insurrezione armata in tempi brevi. La notte tra il 24 e il 25 ottobre 1917, reparti armati bolscevichi penetrarono all’interno del Palazzo d’Inverno (sede del governo provvisorio) e arrestarono numerosi ministri (ma non il primo ministro Kerenskij che aveva abbandonato la città in cerca di rinforzi). Quando la notizia dell’insurrezione arrivò al Congresso panrusso dei soviet, l’azione dei bolscevichi fu criticata dai menscevichi e dai socialisti rivoluzionari, un partito che sosteneva gli interessi dei contadini. Tutti questi socialisti moderati abbandonarono la sala della riunione del congresso. Si trattò di un grave errore politico, in quanto il congresso dei soviet passò interamente in mano ai bolscevichi, che poterono ottenere da esso la ratifica del colpo di Stato.

I primi provvedimenti del Congresso – Una volta assunto il potere, il congresso approvò i primi decreti rivoluzionari. Innanzitutto fu lanciato un appello alle nazioni belligeranti, affinché ponessero immediatamente fine alle ostilità e iniziassero trattative per una pace ”giusta e democratica”. Preoccupato di avere l’appoggio dei contadini, Lenin sottopose al Congresso dei soviet il decreto sulla terra. ”Ogni proprietà privata della terra è abolita immediatamente e senza compenso”. Tutti i terreni erano messi a disposizione dei contadini che desiderassero coltivarli con il proprio lavoro. Nei mesi seguenti, provvedimenti di tipo analogo furono emanati per ogni altro settore dell’economia. Iniziò il processo di nazionalizzazione delle banche. In questo modo i bolscevichi tentarono di eliminare la proprietà privata, in contrasto con la tradizione liberale che considera la proprietà un diritto inalienabile.

La dittatura del partito bolscevico – Il 26 ottobre il Congresso panrusso dei soviet emanò un altro provvedimento, designando a guida dello Stato un Consiglio dei commissari del popolo. Presieduto da Lenin e composto dai principali esponenti del partito bolscevico, esso era dotato di pieni poteri. Il compito principale del nuovo organo rivoluzionario era infatti quello di instaurare la dittatura del proletariato, cioè di reprimere la borghesia e di impedire che essa mettesse in atto qualsiasi progetto controrivoluzionario. Il governo provvisorio aveva organizzato per il giorno 12 novembre le elezioni, in modo da istituire l’assemblea costituente incaricata di dare alla Russia un nuovo regime liberal-democratico. Le votazioni risultarono un clamoroso insuccesso per i bolscevichi, la maggioranza della popolazione formata da contadini votò a favore dell’ala più moderata dei socialisti rivoluzionari. Lenin decise di lasciar riunire l’assemblea ma dopo la seduta inaugurale la fece disperdere con la giustificazione che il proletariato al momento del voto non aveva deciso liberamente, bensì condizionato dalla vecchia ideologia capitalista.

La repressione del dissenso – Lenin riteneva che solo la linea politica dei bolscevichi poteva essere considerata veramente giusta per gli interessi del proletariato. Ogni dissenso sarebbe stato automaticamente considerato un gesto controrivoluzionario, da punire con severità. Il 24 novembre 1917 era stata istituita la Commissione straordinaria per la lotta contro al controrivoluzione e il sabotaggio (CEKA), incaricata di schiacciare tutti i nemici del proletariato e della sua rivoluzione. Lenin era profondamente convinto che solo i bolscevichi fossero consapevoli della meta cui il proletariato (e l’intera umanità) doveva tendere. Pertanto, anche tutti quei proletari o quelle organizzazione dei lavoratori che in qualche modo dissentivano dalla linea bolscevica furono bollati come elementi controrivoluzionari e ulteriormente imprigionati e/o costretti all’esilio. La dittatura del proletariato, di fatto, era la dittatura del partito.

La pace separata con la Germania – Nel corso del 1917, uno dei motivi per cui il partito di Lenin aveva ottenuto l’appoggio di fasce sempre crescenti del popolo russo era stato la sua promessa di giungere alla pace separata con la Germania. Stipulato il 3 marzo 1918 a Brest-Litovks (Polonia), il trattato di pace tra Pietrogrado e Berlino comportava delle amputazioni territoriale per la Russia: l’intera Ucraina, ad esempio, avrebbe dovuto diventare uno Stato autonomo, satellite della Germania. Il trattato fu oggetto di una durissima discussione all’interno del partito. Tra i bolscevichi, il più fiero oppositore della pace coi tedeschi fu Nicolaj Bucharin, che sosteneva la necessità di una guerra rivoluzionaria contro la Germania imperialista.

Comunismo di guerra e Nuova politica economica

Intro – Nel dicembre 1917, alcuni generali dell’esercito russo decisero di ribellarsi al nuovo governo bolscevico e tentarono di dar via, nel Sud della Russia, a un esercito volontario. Questi militari anticomunisti ricevettero l’appellativo di ”bianchi” (monarchici), dal momento che si opponevano ai ”rossi” (comunisti). I reparti controrivoluzionari russi furono sostenuti militarmente ed economicamente dalle grandi potenze straniere, preoccupate sia per il loro interesse in Russia, sia di un possibile dilagare della rivoluzione nel resto dell’Europa. I primi a intervenire furono 400 giapponesi, in Siberia, il 5 aprile 1918, aggiungendosi a breve altri 73 mila giapponesi, 2500 inglesi, 1000 francesi, 1500 italiani e più di 8000 americani. In siberia, i bolscevichi dovettero affrontare un’altra minaccia, la cosiddetta Legione cecoslovacca, ex prigionieri dell’esercito austro-ungarico, catturati negli anni 1914-1916. Liberati dal governo provvisorio, essi non riconobbero il nuovo potere sovietico e si schierarono contro di esso. Quando la Legione cecoslovacca si avvicinò alla città di Ekaterinburg dove erano detenuti lo zar Nicola II e la sua famiglia, il soviet regionale ordinò l’esecuzione, che ebbe luogo il 16 luglio 1918.

Una guerra totale e assoluta – Il crescente imbarbarimento dello contro spinse sia i bianchi che i rossi a pensare alla guerra come a una lotta che non avrebbe mai potuto concludersi con un compromesso; era una guerra totale, che sarebbe finita solo con la completa distruzione di una delle due parti.

Il massacro degli ebrei – Anche i bianchi si macchiarono di atroci violenze: generali e soldati controrivoluzionari si convinsero infatti che la maggioranza degli ebrei russi appoggiasse i bolscevichi di Lenin e Lev Trotsky, o peggio, che il comunismo steso fosse uno strumento inventato dagli ebrei per conquistare il potere in Russia e nel mondo. Molti reparti bianchi massacrarono intere comunità ebraiche soprattutto in Ucraina.

Il comunismo di guerra e l’internazionale comunista

Intro – Alla fine del 1917, la situazione economica della Russia era drammatica. L’inverno 1917-1918 fu particolarmente rigido, con frequenti tempeste di neve. Le città cominciarono a soffrire il freddo e la fame, per carenza di grano, legna e carbone. All’inizio del 1918, Lenin ordinò di procurare cereali e generi alimentari con ogni mezzo possibile, così si ebbe l’inizio del cosiddetto comunismo di guerra: una politica finalizzata a ottenere dai contadini russi tutto il grano possibile, a costo di requisirlo. Nella primavera del 1918, le principali regioni produttrici di grano (l’Ucraina) erano in mano ai tedeschi. Gli abitanti dei principali centri industriali, primi fra tutti gli operai delle grande industrie metallurgiche di Pietrogrado, abbandonavano i luoghi di lavoro e se ne andavano nelle campagne, alla ricerca di cibo. Mosca perse il 14,5% della propria popolazione. Lenin dichiarò guerra ai cosiddetti kulaki, cioè sfruttatori, ovvero contadini che possiedono grano e non lo consegnano alle stazioni ferroviarie. A Mosca e Pietrogrado furono organizzati reparti di operai bolscevichi e inviati nelle campagne a requisire tutto il grano che trovavano. I contadini reagirono violentemente: nell’estate del 1918, scoppiarono almeno 200 rivolte, si trattò di un’ulteriore guerra civile, all’interno dello scontro tra bianchi e rossi.

L’armata rossa, il nuovo esercito russo – Alla metà del marzo 1918, Lev Trotsky divenne commissario della Guerra. Subito si rese conto che, se il governo bolscevico voleva vincere la guerra civile, doveva dotarsi di un efficiente apparato militare. Denominato Armata Rossa, il nuovo esercito aveva però un disperato bisogno di professionisti esperti, che potevano essere trovati solo tra gli ufficiali del vecchio esercito zarista. Questi specialisti militari non erano però ritenuti politicamente affidabili. Al fianco di ognuno di loro venne posto un commissario politico comunista, incaricato di sorvegliarne l’operato. Trotsky ordinò che mogli e figli degli ufficiali ex zaristi che servivano nell’Armata Rossa fossero tenuti in regime di detenzione, come ostaggi.

Dalle manifestazioni contro il governo alla Terza Internazionale – Nel 1920, i rossi avevano vinto la guerra civile. Il Paese, però, era in condizioni catastrofiche. Il risultato della guerra civile fu un fortissimo calo della quantità di cereali. Con l’arrivo della pace, i contadini speravano che il sistema delle requisizioni fosse eliminato o attenuato. Dal governo, però, non venne alcun segnale e ciò provocò ben presto una nuova ondata di rivolte contadine. La rivolta più impegnativa si verificò nel distretto di Tambov. Nel 1917, il movimento socialista d’Europa aveva accolto la notizia della rivoluzione d’ottobre con sentimenti contrastanti. In ogni Stato ampi settori del proletariato erano rimasti affascinati dagli eventi russi. Il 4 marzo 1919, in opposizione al movimento socialista europeo, venne ufficialmente creata a Mosca la Terza Internazionale (Comintern) – una fondazione più formale che sostanziale. Lenin pose ai vari partiti socialisti una serie di 21 precise e rigide condizioni, da accettare o respingere senza possibilità di mediazione, per entrare a far parte del Comintern.

Malcontento diffuso e Nuova politica economica

Intro – Mentre era in corso il secondo decisivo congresso del Comintern, che avrebbe provocato laceranti fratture in tutti i principali partiti socialisti d’Europa, la Russia si trovava di nuovo in guerra. Nell’aprile 1920, la Polonia aveva invaso le regioni occidentali del nuovo stato sovietico, pensando di poter approfittare della sua debolezza e dei suoi problemi interni. A giugno, l’Armata rossa riuscì a contrattaccare, giungendo fino alle porte di Varsavia. Lenin pensò che il proletariato polacco avrebbe sostenuto l’Armata Rossa, viceversa, gli operai polacchi risultarono sensibili al richiamo del sentimento nazionale, con il risultato che i russi furono costretti a compiere una precipitosa ritirata e infine ad arretrare il proprio confine con la Polonia per circa 200 chilometri. Dopo la pesante sconfitta, Lenin dedicò tutte le energie a rafforzare dall’interno il nuovo regime. Nel febbraio 1921, il malcontento era molto diffuso sia nelle campagne, sia tra gli operai di Pietrogrado.

La Nuova politica economica – Rendendosi conto della gravità della situazione, il 15 marzo 1921, Lenin presentò davanti il X Congresso del Partito la cosiddetta Nuova politica economica (NEP), che pose fine alle requisizioni di grano e introdusse di nuovo nelle campagne un’economia di mercato. I contadini furono chiamati a versare, a titolo d’imposta, una percentuale fissa della loro produzione agli organi dello Stato. Per Lenin, tuttavia, era una dura sconfitta. Per compensare questa battuta, vennero ulteriormente inaspriti la disciplina interna al partito e il già rigido controllo esercitato da esso sul Paese e sullo Stato.

Stalin al potere

La collettivizzazione delle campagne – Dopo un breve periodo di industrializzazione del Paese, il nuovo leader dello Stato sovietico, Iosif Stalin, obbligò tutti gli agricoltori a riunirsi in grandi aziende agricole collettive (kolchoz), unità produttive di vaste dimensioni controllate dallo Stato. La maggior parte degli agricoltori rifiutò questa rivoluzione dall’alto così che nei primi anni Trenta si verificò in URSS un secondo grande durissimo scontro tra Stato e contadini. Per esprimere la rabbia e la protesta, la maggior parte dei lavoratori usò l’arma della resistenza passiva, procedendo all’abbattimento degli animali che avrebbero dovuto essere socializzati nei kolchoz. In particolare nel Caucaso del Nord furono uccisi moltissimi cavalli.

La carestia del 1933 – Le autorità fecero sistematicamente ricorso alla forza e alla deportazione nei campi di concentramento. Per impedire la fuga dei contadini dai kolchoz, in direzione delle città e dei centri industriali, alla fine del 1932 lo Stato introdusse un sistema di passaporti interni. La situazione precipitò nel 1933. Il raccolto dell’anno precedente si rivelò molto inferiore alle aspettative, a causa del boicottaggio, le autorità ordinarono comunque di procedere alla requisizione delle quote fissate, a costo di far partire la fame ai contadini. Il governo inviò nei villaggi squadre di attivisti, incaricati di sequestrare tutto il grano che riuscivano a trovare.

La carestia: i contadini si arrendono – Con la legge del 7 agosto 1932, venne vietato persino di raccogliere nei campi qualche spiga: chiunque l’avesse fatto, sarebbe stato punito con il campo di concentramento. Il sistema di passaporti interni impedì che i contadini potessero riversarsi dalle campagne affamate nelle città. Questo insieme di comportamenti delle autorità trasformò un’ordinaria situazione di penuria alimentare in una micidiale sterminio per fame che provocò almeno 5 milioni di morti. La tragedia investì soprattutto le regioni dell’Ucraina, della Bassarabia e del Caucaso settentrionale. Nel caso della carestia del 1932-1933 non siamo di fronte a una catastrofe naturale, bensì al momento più violento e drammatico dello scontro per il controllo delle campagne e dei raccolti. Al gesto disperato dei contadini lo Stato rispose con le confische e i provvedimenti punitivi, i contadini sconfitti, sono stati stremati e costretti a collaborare con il regime.

La giustizia sommaria – Stalin era consapevole del fatto che i suoi metodi brutali non erano condivisi da tutti e potevano suscitare  profondo risentimento in ampi settori della società sovietica. Il dittatore attuò una durissima repressione: chiunque criticasse il suo operato o fosse sospettato di cospirazione contro il potere veniva arrestato dalla polizia politica. La persona era fucilata senza processo; in altri casi, dopo un lungo interrogatorio, l’individuo veniva condannato alla deportazione in un lager. La repressione colpì anche cittadini sovietici che si consideravano veri comunisti fedeli a Stalin, ma che ugualmente vennero condannati ai lavori forzati. Nel 1937, furono internate nei campi di concentramento (chiamati anche Gulag – Direzione centrale dei lager) circa 700 mila persone; all’inizio del 1941 i prigionieri presenti nei lager fossero 1 milione 930 mila, dislocati su una rete che si estendeva dalla Russia del Nord fino alla Siberia orientale.

Il Grande terrore – L’ondata di terrore toccò il culmine negli  anni 1937-1938. Il dato più impressionante riguarda le condanne a morte che furono 682 mila. Nell’intero arco di tempo tra 1921-1940 le condanne a morte sarebbero state 749 mila: le esecuzioni rappresentavano ben l’85% del totale delle condanne. Vanno poi aggiunti i morti per tortura durante le indagini, arrivando ad un totale di circa 800 mila morti solo negli anni ’37-’38. Il gruppo più numeroso preso di mira fu quello denominato ex kulaki, criminali e altri elementi antisovietici, Stalin temeva questi individui che in caso di conflitto con una potenza straniera avrebbero costituito una specie di quinta colonna interna ostile. Infine, nel 1937, venne colpita anche l’Armata rossa, con l’arresto del maresciallo Mikhail Tuchacevskij ed altri sette generali.

La decapitazione dell’esercito – Nel 1931, Tuchacevskij aveva convinto Stalin del fatto che la guerra del futuro sarebbe stata decisa dalle macchine, più che dagli uomini. Stalin inizio a temere che Tuchacevskij e i generali dell’Armata rossa avessero acquistato troppo potere. L’arresto e la fucilazione di Tuchacevskij segnarono l’inizio di una purga gigantesca che decapitò l’esercito (i rivali principali di Stalin per il potere): nel 1941, 71 degli 85 ufficiali superiori che negli anni Trenta avevano occupato posti di maggior responsabilità nell’Armata rossa erano morti. Allo scoppio della guerra (1939), l’esercito sovietico era ancora molto arretrato. I nuovi carri e gli aeroplani non erano dotati di radio, fatto che ostacolò la comunicazione e la buona manovrabilità delle truppe sovietiche sul campo. Grazie alle purghe di Stalin, l’Armata rossa aveva perso tutti i suoi uomini migliori e più esperti. Nel 1941, l’URSS avrebbe pagato molto cara l’inesperienza e l’impreparazione dei suoi quadri, al punto da rischiare di essere completamente travolta dall’offensiva tedesca.

Fascismo: l’ascesa delle camicie nere

Le premesse del fascismo

O Fiume o Morte ! – Nella primavera del 1919, il poeta abruzzese Gabriele D’Annunzio, appoggiato da ex combattenti della Prima Guerra Mondiale, insieme alle truppe d’assalto ed alcuni reparti dell’esercito italiano occuparono la città di Fiume, trasformando la città nel rifugio per i personaggi quali in seguito divennero il nucleo attivo del movimento fascista. L’occupazione della città di Fiume avviene dopo quasi 6 mesi dalla firma dell’armistizio e cessata il fuoco l’11 novembre 1918 tra Germania e le forze alleate (Francia, Italia, Gran Bretagna e gli Stati Uniti d’America). Qualche mese dopo, i paesi alleati si sono riuniti a Versailles per dividere i territori entrati sotto controllo dopo la disfatta dell’esercito tedesco e quello austriaco. I territori promessi all’Italia nel 1915 con il Trattato di Londra comprendenti la Dalmazia, l’Istria, il Trentino, Trieste e Fiume sono in gran parte negati. Trieste e Trentino comunque sia sono confermate ufficialmente territori italiani come previsto dal piano proposto dal Presidente americano Thomas Woodrow Wilson. Il governo italiano si rifiutò di partecipare alla Conferenza di Pace e quindi revocò i suoi rappresentanti da Parigi, una manovra sbagliata dal punto di vista diplomatico ma necessaria dal punto di vista del prestigio e dell’orgoglio nazionale. Le ulteriori azioni di D’Annunzio e degli altri combattenti italiani impegnati nell’occupazione militare di Fiume furono tollerati passivamente dal governo di Roma, come succederà di seguito anche con le squadre fasciste.

Economia del caos – La situazione economica e sociale dell’Italia dopo 1918 era drammatica. In tempo di guerra gli industriali si erano arricchiti mentre lo Stato, al contrario, era sprofondato in un abisso. Il debito pubblico era aumentato del 650%, la svalutazione della lira significò un pesante aumento dei prezzi di tutti i prodotti importati in Italia. Per frenare il malcontento popolare lo Stato decise di mantenere un prezzo artificiale del pane. In questo clima di crisi gli operai ottennero l’aumento degli stipendi, dall’altra parte i ceti medi della società tra cui i funzionari dello stato e la piccola borghesia videro pericolosamente diminuire la distanza che li separava dal proletariato a causa della perdita del potere d’acquisto della lira. Questo cambiamento radicale del benessere della classe media avrà come conseguenza l’avvento del movimento fascista appoggiato maggiormente dalla borghesia italiana.

La guerra non finisce mai – Il contrasto ideologico tra i neutralisti e gli interventisti non scompare nemmeno quando la guerra finì. I neutralisti sostenevano che il conflitto appena passato non fu altro che inutile macello, mentre gli interventisti accusarono i primi di non aver compreso l’importanza della prova sostenuta dalla patria, accusando i neutralisti di essere senza patria o, peggio, nemici della nazione.

La minaccia rivoluzionaria – Trovato in un contesto politico difficile, il presidente del Consiglio Francesco Saverio Nitti era convinto che in Italia stesse per esplodere la rivoluzione comunista a causa degli scioperi popolari e dell’anarchia che prese forza nella campagna italiana. Secondo Nitti, in caso di rivoluzione, lo Stato non sarebbe stato in grado di fermare le violenze con il solo sostegno dell’esercito e della polizia, bensì con l’eventuale uso della forza contro i sovversivi rossi anche da parte di soggetti non statali (come ulteriormente avviene con le squadre fasciste). Il 4 novembre 1919 il governo di Nitti si rifiutò di organizzare qualsiasi celebrazione per il Primo anniversario della Vittoria, concedendo qualche mese prima l’amnistia ai disertori. Questi gesti, agli occhi di molti ufficiali e dei nazionalisti, presentavano ancora una volta la debolezza dello Stato liberale del tutto inadatto a fronteggiare l’emergenza, da qui le azioni di D’Annunzio e delle squadre fasciste, formate tra 1919-1920, prendono popolarità anche tra i ceti alti della società italiana alla fine della guerra mondiale e gli anni successivi.

Partito Socialista Italiano, PSI – La paura di una rivoluzione era alimentata dalle dimensioni imponenti del Partito Socialista Italiano (PSI). Al Congresso bolognese del PSI dell’ottobre 1919, la corrente massimalista rivoluzionaria, guidata da Costantino Lazzari e Giacinto Menotti Serrati, uscì vincitrice e di conseguenza approvò la proposta di aderire all’internazionale comunista fondata a Mosca. L’ideale della rivoluzione proletaria non era condiviso affatto da ampi settori del movimento operaio il quale si preoccupò di conquistare migliori salari e condizioni di lavoro che di preparare l’insurrezione decisiva. La maggior parte dei deputati, guidati da Filippo Turati, aveva assunto una posizione riformista, quindi moderata.

L’estremismo di Gramsci e di Bordiga – L’ala più radicale del partito, pronta e decisa di andare fino in fondo cominciò a delinearsi soprattutto tra i giovani nel corso del 1919. Tra gli esponenti maggiori di quest’ala vi furono Amadeo Bordiga e Antonio Gramsci, giovane rivoluzionario con studi di filosofia e letteratura preso l’Università di Torino, l’ideologo principale del comunismo italiano favorevole alla svolta rivoluzionaria in Italia. Insieme a Palmiro Togliatti, il 1 maggio 1919, Gramsci diede vita alla rivista ”Ordine Nuovo”. L’idea che fu lanciata attraverso questa rivista era quella dei consigli di fabbrica, organismi eletti dagli operai che a presto si sarebbero trasformati nel nucleo attivo di combattimento del PSI. Gramsci era sostenitore della trasformazione delle masse in soggetto attivo, mentre Bordiga considerava il partito nel suo insieme l’unico e vero protagonista dell’azione rivoluzionaria.

PPI, Partito Popolare Italiano – Per contrastare la crescente importanza dei socialisti, nel 1919 viene creato il Partito Popolare Italiano (PPI). Questo partito rappresentò l’entrata in forza dei cattolici nella vita politica nazionale. Il leader della nuova formazione, il siciliano don Luigi Sturzo, voleva rivolgersi non solo ai cattolici, ma a tutti gli italiani che si riconoscessero negli ideali e negli obiettivi del partito. Le correnti rivoluzionari del paese (PSI) chiedevano il cambiamento del sistema elettorale, passando da un sistema uninominale (deputati eletti nei loro collegi elettorali) ad uno proporzionale (deputati eletti in base alla percentuale ottenuta dal partito su scala nazionale). Evidentemente un tale cambiamento non poteva essere sostenuto dalle forze anti-socialiste del paese, tra cui anche il neo nato Partito Popolare Italiano.

L’entrata in scena di Benito Mussolini – Nel 1919 insieme alle formazioni new entry sulla scena politica italiana, il Partito popolare ed il Partito socialista, compare un nuovo soggetto politico chiamato movimento dei Fasci italiani di combattimento. Il leader più carismatico del movimento fascista fu Benito Mussolini, nato a Dovia (Predappio) nel 1883, iniziò la sua esperienza politica nel Partito socialista italiano (PSI) all’interno del quale fece rapida e brillante carriera per diventare nel 1912 il direttore dell’Avanti, il quotidiano ufficiale del PSI. Mussolini era un sostenitore della corrente più radicale del PSI secondo cui fra i capitalisti e il proletariato non doveva essere altro che guerra aperta, fino alla rivoluzione finale. Ispirato dalle idee anarchiche dei filosofi Georges Sorel e Mikhail Bakunin, Mussolini riteneva che i lavoratori dovessero sempre tenersi pronti per quell’evento decisivo, ovvero la rivoluzione. Nel 1914 un’ondata di scioperi investì la Romagna e le Marche e provocò vari disordini, l’artefice di questi scioperi chiamati anche settimana rossa fu Benito Mussolini. Quando scoppiò la Prima Guerra Mondiale, il PSI si schierò apertamente per il non-intervento dell’Italia nel conflitto, mentre Mussolini scelse il campo dell’interventismo, avendo intuito le difficoltà dello stato e delle istituzioni politiche a manovrare la situazione dopo la guerra, creando così ottime condizioni per la rivoluzione proletaria. A causa del suo atteggiamento interventista, Mussolini viene espulso dal Partito Socialista. Lo scoppio della rivoluzione bolscevica in Russia nel 1917, evoluta in una vera e propria guerra civile con conseguenze catastrofiche per il nuovo stato russo, spinse Mussolini ad abbandonare definitivamente l’idea di un radicale rovesciamento dell’ordine in Italia, affermando d’ora in poi il ruolo fondamentale della borghesia imprenditoriale nello sviluppo economico di un paese insieme all’ideologia che si basa sui concetti di patria e di nazione.

I Fasci italiani di combattimento – Il 23 marzo 1919 Mussolini convocò una riunione al fine di fondare una nuova formazione politica capace di opporsi sia allo Stato liberale, sia al Partito Socialista di matrice marxista (comunista). La nuova formazione, denominata Fasci italiani di combattimento, nata a marzo espose il suo programma il 6 giugno 1919, su ”Il Popolo d’Italia”, giornale fondato da Mussolini nel 1914. Il programma esposto dal nuovo movimento di Mussolini insisteva sulla necessità di una politica estera intesa a promuovere e valorizzare la nazione italiana nel mondo, detto in altre parole di affermare l’Italia come grande potenza sulla scena politica mondiale. Il movimento dei Fasci si proponeva di unire in sé due concetti diametralmente opposti, quello di nazione e quello di socialismo, incompatibili per definizione. Il socialismo riteneva che il proletariato era un unico istituto senza frontiere e quindi l’idea della nazione era contraria all’ideologia socialista. Mussolini riteneva che l’unione di questi due concetti e fondamentale per la creazione e lo sviluppo della nuova società italiana, il socialismo corrodeva dall’interno l’unità di intenti e di ideali senza la quale una nazione non avrebbe potuto affrontare le altre nazioni nella lotta per la sopravvivenza e dominazione mondiale. All’inizio del 1920, il movimento attraversò un momento di crisi dovuto alle elezioni del novembre del 1919 durante le quali i Fasci avevano raccolto pochissimi voti.

Scioperi dovunque – Nel giugno del 1920, Giovanni Giolitti divenne presidente del Consiglio. In Emilia-Romagna i braccianti obbligarono i proprietari terrieri a stipulare contratti più vantaggiosi per i primi. Nello stesso tempo gli operai metalmeccanici occuparono le fabbriche, creando così panico tra la borghesia, si sparse così il terrore del bolscevismo. Giolitti rimase impassibile a tali scioperi, adottando la strategia di non intervenire, consolidata nel passato. Dopo alcune settimane gli scioperi e l’occupazione delle fabbriche finirono, mentre il PSI dichiarava ufficialmente che queste azioni non erano assolutamente da considerare come il prologo della rivoluzione sociale. Il proletariato italiano uscì disilluso e disorientato, mentre la borghesia trovò una rinnovata volontà di opporsi con ogni mezzo ai sovversivi rossi. Giolitti infatti aveva adottato una strategia giusta che però negli occhi della borghesia sembrò un atto di debolezza dello Stato e delle autorità incapaci di difendere la proprietà privata dei ceti medi e alti della società.

La risoluzione del problema di Fiume – Il 4 novembre 1920 Giolitti fece celebrare con grande solennità l’anniversario della Vittoria, però tra i militari serpeggiava la voglia di uno Stato più forte, capace di valorizzare la nazione italiana e di riconoscere i giusti meriti dell’esercito che aveva combattuto per la patria. Il 12 novembre 1920, Giolitti risolse la questione di Fiume grazie all’intervento dei reparti di carabinieri e di guardie regie, ritenuti più fedeli di quelli di fanteria, che seguirono il comando del governo di liberare la città occupata dalle truppe di ex combattenti di D’Annunzio. La liberazione di Fiume avviene dopo la stipulazione del Trattato di Rapallo, firmato lo stesso 12 novembre del 1920 da Giovanni Giolitti ed il Ministro degli Esteri della Iugoslavia, con il quale l’Italia poté annettersi l’Istria mentre Fiume fu dichiarata città libera.

La fine di Giolitti e la nascita del Partito comunista – Nel 1921, Giolitti affrontò la grave situazione economica abolendo il prezzo artificiale del pane, introducendo politiche fiscali più rigorose provocando il malcontento sia del proletariato sia della borghesia. Questo insieme di azioni di risanamento della finanza pubblica provocò l’ostilità della borghesia e di molti deputati liberali. Nel 1921, Giolitti diede le dimissioni. Durante lo stesso 1921, il Partito Socialista Italiano dovette affrontare una gravissima crisi interna, i componenti più radicali volevano creare un nuovo partito veramente comunista. La scissione viene formalizzata ufficialmente il 21 gennaio 1921 al Congresso di Livorno.

Il fascismo s’impone sulla scena politica

Fascismo – l’unica soluzione ! – Secondo i militanti del neonato Partito comunista, in Italia la situazione era propizia per la conquista rivoluzionaria del potere, lo Stato era debole, con un capo di governo incapace di gestire la situazione (dopo le dimissioni di Giolitti) e un monarca che non si preoccupò tanto della vita del suo popolo. Il movimento fascista, nel 1919, si presentava come una forza indecisa nelle sue azioni, senza leader e frazionaria. Già nella seconda metà del 1920 i Fasci hanno intrapreso con decisione la strada della violenza, affermandosi come una forza il parere di cui non può essere negato. Il 13 luglio 1920, a Trieste, i militanti fascisti hanno incendiato l’Hotel Balkan, sede delle associazioni slavofile dell città, per prendere ulteriormente d’assalto, il 21 novembre dello stesso anno, il municipio di Bologna, a maggioranza rossa (comunisti), tale assalto portò alla morte di 10 persone ed altri 100 feriti. La borghesia cominciò a guardare il nuovo movimento come rimedio necessario per il paese, la violenza contro i socialisti e gli slavi, considerati nemici della nazione, alzò il prestigio del movimento a quote senza precedenti.

Le squadre della morte – A partire dalla prima metà del 1921 i Fasci di combattimento sono stati finanziati, armati e riforniti di mezzi dai grandi proprietari terrieri. Gli attacchi organizzati dai militanti fascisti erano indirizzati contro i movimenti politici, sociali e sindacali di matrice socialista. L’uccisione dei dirigenti più determinati, la distruzione delle tipografie socialiste e le dimissioni di intere giunte municipali rosse erano l’effetto diretto dell’intervento radicale dei Fasci nella vita dello Stato e dei suoi cittadini. Il fascismo che si presentò all’inizio come un movimento nazionalista e nel frattempo anti-borghese, a partire dal 1920 si alleò apertamente con la borghesia per contrastare il pericolo socialista presente in quei anni. L’estensione geografica del movimento dei Fasci era enorme. La roccaforte dei fascisti, Milano, era la prima città a conoscere la violenza degli squadristi, ulteriormente i Fasci si sono estesi in tutta la Pianura padana ed in Puglia, zone prevalentemente agricole, ove gli imprenditori agrari erano stati pesantemente colpiti dai moti rivoluzionari del biennio rosso 1919-1920. La maggioranza dei militanti fascisti era composta da persone che appartenevano ai ceti medi, la cosiddetta piccola borghesia, individui che avevano subito le conseguenze dell’inflazione e avevano visto nel medesimo tempo ridursi la distanza che in passato li separava dal proletariato. Da notare anche la giovinezza degli squadristi, che spesso erano minorenni. Quasi tutti i capi dei Fasci, invece, erano ex combattenti, individui di provenienza borghese o piccolo-borghese. La lotta contro l’avversario interno, secondo i Fasci, era ugualmente importante come la lotta contro il nemico esterno durante la guerra appena finita, di conseguenza, i socialisti non erano per nulla diversi dagli austriaci o dai tedeschi, anzi, erano più pericolosi, e quindi bisognava sconfiggerli con gli stessi metodi e la stessa determinazione impiegati al fronte. Le squadre fasciste calpestarono i diritti fondamentali dello Stato, mentre gli ufficiali guardavano con indifferenza le azioni contro la popolazione civile, addirittura lo Stato maggiore dell’esercito invitava i comandanti di corpo d’armata, i carabinieri e gli altri ufficiali dello stato a tenersi in stretto contatto con gli squadristi. Senza la complicità ed il sostegno dell’esercito e delle forze di polizia, le squadre fasciste non avrebbero mai potuto ottenere risultati così clamorosi e devastanti.

Mussolini ed altri leader dei Fasci – Senza una rigida organizzazione all’inizio della sua esistenza, il movimento dei Fasci di combattimento non aveva un vero leader, unico per tutto il paese. Questa realtà emerse nel 1921 quando Mussolini, il 3 agosto, stipulò con i socialisti il patto di pacificazione, mentre gli altri comandanti del movimento sconfessarono l’accordo, negando l’autorità di Mussolini nella stipulazione del documento. Nell’estate del 1921, Mussolini era soltanto primo tra pari, mentre le vere guide del movimento erano Italo Balbo, Dino Grandi e Roberto Farinacci.

Partito Nazionale Fascista, PNF – Ammettendo la propria sconfitta davanti gli altri leader del movimento, Mussolini arrivò a rassegnare le dimissioni, che furono respinte per il fatto che egli fu l’unica figura nota a livello nazionale, con esperienza politica e quindi, l’unico ad essere capace di portare i Fasci ad un progetto nazionale di largo respiro. Nel novembre del 1921 il movimento si riorganizzò in Partito Nazionale Fascista (PNF). Il fascismo si era ormai schierato  su posizioni di estremo conservatorismo sociale, di difesa con ogni mezzo degli interessi della borghesia e della proprietà privata.

Fascismo, il miglior amico – Le violenze delle squadre fasciste continuarono fino l’estate del 1922. Nel corso del 1922, infatti, Mussolini ottenne la fiducia di un numero sempre più grande di esponenti della borghesia ed alti funzionari e politici. Giolitti per esempio, nel 1921, formò il cosiddetto blocco nazionale ove chiamò i rappresentanti del PNF, PPI ed altri partiti liberali per contrastare il PSI. Giolitti, come molti altri, sperava di addomesticare e moderare la violenza dei fascisti, non mettendo minimamente nel conto che, una volta giunto al potere, il movimento dei Fasci potrebbe instaurare una dittatura.

I socialisti – Rendendosi conto del pericolo rappresentato dai fascisti, i socialisti riformisti come Turati e Matteotti si dichiararono pronti a collaborare con i liberali ed i cattolici e a partecipare a un governo che si proponesse come priorità assoluta la lotta contro il fascismo. Serrati, il leader del PSI non ha condiviso la scelta dei suoi colleghi e al Congresso di Roma (1-4 ottobre 1922) i due leader riformisti insieme ai loro seguaci sono stati espulsi dal partito, per creare ulteriormente la loro propria formazione politica chiamata Partito Socialista Unitario (PSU).

La marcia su Roma – Alla fine d’ottobre 1922, fu inscenata dal fascismo la cosiddetta marcia su Roma. Circa 14000 squadristi si accamparono in alcune località vicine alla capitale, mentre le prefetture e gli altri centri di potere in tutta l’Italia venivano occupate dai fascisti. Lo Stato poteva rispondere con le armi, spazzando definitivamente il fascismo. Mussolini sapeva delle pressioni che venivano fatte sul re Vittorio Emanuele III da più parti per formare un governo in cui i fascisti fossero presenti in modo consistente e significativo. Il 29 ottobre 1922, il re conferì a Mussolini l’incarico di formare un nuovo governo. Il fascismo conquistò così il potere in modo sì violento, ma la sua violenza non era rivolta verso lo Stato, bensì contro alcuni ceti sociali ritenuti pericolosi per la nazione (socialisti, slavi, comunisti).

il Fascismo al potere – Una volta salito al potere, Mussolini procedette all’eliminazione dei provvedimenti anti-borghesi, presi da Giolitti, per conquistare ancora di più l’appoggio della borghesia che insieme alla monarchia hanno reso possibile l’ascesa dei Fasci al potere. Per avere anche l’appoggio dell’esercito, Mussolini organizzò il 4 novembre 1922 un’imponente celebrazione della Vittoria. Mussolini volle in questo modo presentare il fascismo come l’unica forza capace di difendere l’onore della patria.

Fascismo ed il concetto di Patria – Il leader del fascismo si sforzò di presentare il suo movimento come la parte più sana della nazione. Mussolini cercò di far sì che il concetto di patria e quello di fascismo si identificassero. Chi era contro il fascismo era contro l’Italia. Il 14 gennaio del 1923 viene organizzato un nuovo istituto di protezione civile, la Milizia volontaria per la sicurezza nazionale, che è di fatto la versione ufficializzata delle squadre d’assalto fasciste. Per rappresentare il nuovo orientamento politico dello Stato, Mussolini organizzò il 28 ottobre 1923 la celebrazione dell’anniversario della marcia su Roma, un evento simbolico con fini propagandistici dichiarato più tardi festa nazionale.

il caso Matteotti – La svolta decisiva si ebbe nel 1924, quando Mussolini riorganizza il sistema elettorale per ottenere la maggioranza nel parlamento, bastava ottenere il 25% dei voti complessivi per assicurarsi i 2/3 dei seggi. Durante le elezioni del 1924, le squadre fasciste ricorsero ai brogli e alla violenza per intimidare e falsificare i voti in tutto il Paese. All’apertura della nuova camera, il 30 maggio 1924, il socialista Giacomo Matteotti osò denunciare apertamente tutte le irregolarità. Dopo alcune settimane, gli squadristi rapirono e uccisero Matteotti, e di seguito l’opposizione abbandonò la Camera in segno di protesta. Di fronte a un fatto così grave come l’uccisione di un parlamentare, la speranza di tutti era il re che avrebbe obbligato Mussolini a dare le dimissioni. L’assassinio fu severamente giudicato, anche da numerosi uomini che in precedenza avevano guardato al fascismo con favore e interesse. I senatori fino ad allora tolleranti verso il fascismo chiesero le dimissioni del presidente del Consiglio. L’unico soggetto che avrebbe potuto davvero fermare Mussolini era quindi il re Vittorio Emanuele III che decise di non intervenire, dando così mano libera a Mussolini che poté superare la crisi più grave della sua esperienza politica che poteva essergli fatale.

Lo Stato fascista

Intro – A partire dal 1925, tutti gli elementi più tipici e caratteristici dello Stato liberale furono eliminati. Il governo di Mussolini abolì la libertà di stampa, sottomettendo tutti i giornali antifascisti e imponendo il controllo sui quotidiani più prestigiosi. Nel dicembre 1925 viene cancellata la separazione dei poteri. Il Parlamento cessò di esercitare qualsiasi potere effettivo, il Presidente del Consiglio era abilitato a controllare ogni settore della vita dello Stato e quindi non era più responsabile davanti a Camera e Senato e poteva essere revocato dal suo incarico solo dal re, l’unico ufficiale dello Stato che Mussolini non poté mai prescindere completamente.

Repressione dell’opposizione antifascista – A partire dal novembre 1926, fu vietato promuovere e costituire associazioni dirette a sovvertire gli ordinamenti dello Stato, tutti i partiti furono automaticamente soppressi e fu reintrodotta la pena di morte, abolita nel 1870, per i reati più gravi. Con la legge per la difesa dello Stato del 25 novembre 1926 fu istituito un Tribunale speciale, incaricato di processare tutti gli antifascisti. Chiunque fosse accusato di nutrire sentimenti antifascisti era obbligato a risiedere per 5 anni in zone remote e scarsamente collegate con il resto del Paese. Gli scioperi furono proibiti, perché considerati un reato, e la figura del sindaco viene sostituita con quella del podestà, incaricato direttamente dal governo.

I Patti lateranensi – Per guadagnare le simpatie dei cattolici, il Duce attenuò il proprio originario anti-clericalismo. L’11 febbraio 1929, il governo italiano stipulò con la Santa Sede i cosiddetti patti del Laterano, che sancirono la nascita dello Stato della Città del Vaticano, proclamando il cattolicesimo la religione ufficiale dello Stato italiano.

La dottrina del fascismo: la Nazione e lo Stato – Alla fine del 1926, il cittadino italiano si trovò prigioniero di una rigida dittatura che puniva con il confino ogni critica e ogni atteggiamento sospetto, oltre a reprimere con il carcere l’opposizione politica attiva. Il Duce tentò comunque sia di giustificare le sue azioni e spiegare i principali concetti della dottrina fascista in cui lo Stato e la Nazione avevano i ruoli principale nella fondazione del nuovo cittadino italiano che doveva portare la gloria e l’orgoglio d’Italia oltre i confini del Paese nella guerra per la dominazione mondiale. La Nazione era un risultato, coscientemente generato dall’azione dello Stato, senza il quale la nazione non esiste, non si sviluppa e non sopravvive. Lo Stato può a sua volta esercitare la propria azione di creatore e di promotore della grandezza della nazione solo se tutti i singoli componenti accettano di subordinare il proprio interesse personale a quello collettivo. Mussolini rifiuta il concetto di democrazia. Gli Stati e le nazioni possono sopravvivere e trionfare, secondo Mussolini, solo se sono guidate da un’élite, perfettamente consapevole dei veri interessi della Paese. Il Duce, più del partito, svolge questa funzione di guida e quindi, il popolo deve assumere un atteggiamento di completa obbedienza.

Il consensoLa novità del fascismo rispetto ad altri regimi autoritari era la sensazione di essere vicini ai leader del movimento. Il fascismo ha sempre teso a creare nelle masse la sensazione di essere sempre mobilitate anche quando tutta la sovranità del popolo veniva confiscata da un’elité guidata soltanto da Mussolini. Il Duce non voleva essere lo zar di un gregge docile e passivo, ma il condottiero di un popolo che lo seguisse con fede e con entusiasmo. Per rendere questo possibile, si cercò di dare il massimo sviluppo possibile alle organizzazioni educative fasciste e di predisporre sempre più imponenti raduni di massa per coinvolgere il maggior numero possibile di italiani e di trasmettere loro i valori fondamentali del regime.

Mussolini rafforza la sua autorità – Per l’intero periodo del suo regime, Mussolini dovette affrontare il problema del rapporto con in Partito Fascista e con gli altri leader, cosiddetti ras, del PNF. Il 12 febbraio 1925, il Duce ne abbia afidato la segreteria a Roberto Farinacci, uno dei ras più estremisti e violenti dello squadrismo. Non appena Mussolini ebbe ulteriormente rafforzato il suo potere, Farinacci fu costretto alle dimissioni e sostituito a sua volta da Augusto Turati che procedette negli anni successivi a una radicale epurazione all’interno del PNF.

Il culto del Duce – All’interno del PNF fu abolita ogni forma di democrazia. Il nuovo statuto dell’8 ottobre 1926 cancellò completamente il principio dell’elettività delle cariche, la scelta dei federali era affidata solo a Mussolini. D’ora in poi, il Duce doveva essere presentato come l’unico e indiscusso capo del fascismo, una figura al limite del sovrumano. Il mito di Mussolini nacque per eliminare ogni forma di concorrenza e d’iniziativa politica all’interno del Partito. I metodi usati sono gli stessi che Hitler adottò in Germani e Stalin in URSS. La figura del Dux era separata, del tutto diversa, assumendo una coloritura quasi religiosa.

Il Partito – Durante gli anni ’30, il partito cambiò le proprie funzioni, esso servì come strumento di diffusione dell’ideologia ufficiale, di educazione popolare e di promozione del mito di Mussolini. La cosiddetta ”era del fascismo” si verificò negli anni ’30 grazie all’iscrizione di massa al PNF dei pubblici funzionari a causa dell’obbligo imposto dal regime per poter continuare l’attività come impiegati dello Stato. Il fascismo era dovunque, tutti dovevano contribuire alla diffusione dell’ideologia del regime e del culto di Mussolini.

Il Secondo Impero – L’obiettivo di lungo medio-lungo periodo del regime era quello di trasformare l’Italia in una grande potenza. L’Italia avrebbe dovuto tornare alla potenza dell’impero dei Cesari e Mussolini predicava questo futuro all’intero Paese senza tenere conto delle conseguenze. Nel 1935-1936 fu conquistata l’Etiopia, il re Vittorio Emanuele III fu proclamato imperatore. L’ammirazione popolare verso il Duce toccò il suo vertice. Per rinforzare il processo di trasformazione degli italiani in quel tipo umano che il futuro imperiale della nazione richiedeva bisognava adottare dei provvedimenti che affermassero la superiorità e la grandezza degli italiani. Furono introdotte leggi che vietavano i matrimoni di razze miste. La legge del 29 giugno 1939 istituì il reato di lesione del prestigio della razza, un italiano non poteva lavorare per un indigeno o frequentare locali riservati ai neri.

Il razzismo biologico – Per rafforzare la dottrina ideologica della grandezza italiana e dell’unicità nazionale, Mussolini ordinò agli scienziati di stendere una specie di decalogo ideologico del razzismo fascista, pubblicato in forma anonima nel 1938 con il titolo Il fascismo e i problemi della razza. Guido Landra insieme ad altri scienziati importanti dell’epoca furono obbligati ad assumersi la paternità del teso. Molti degli scienziati però, non condividevano fino in fondo l’impostazione del Manifesto, che, di fatto, era un razzismo biologico, molto simile a quello che si era diffuso in Germania da qualche anno.

La questione degli ebrei italiani – Il Duce accolse con soddisfazione l’impostazione biologica determinando un immediato allargamento delle leggi razziali che riguardò non solo i neri africani, ma anche gli ebrei. Il 22 agosto 1938 venne effettuato un censimento al fine di individuare, contare e schedare gli ebrei residenti in Italia. Gli ebrei italiani erano distribuiti in modo ineguale sul territorio italiano, così la maggioranza degli israeliti risiedeva nel Centro-Nord del Paese. I primi provvedimenti riguardarono la scuola e gli ebrei stranieri. Il decreto-legge del 5 settembre 1938, intitolato Provvedimenti per la difesa della razza, stabilì l’esclusione con effetto immediato dei docenti ebrei dalle scuole statali, inoltre il decreto prevedeva il divieto di iscrizione per gli alunni ebrei alle scuole degli alunni ariani (italiani) mentre agli ebrei stranieri viene revocata la cittadinanza italiana e fu severamente vietato di aprire proprie strutture scolastiche. Da notare il fatto che Mussolini agì di propria iniziativa e non sotto pressione di Hitler, il quale non chiese mai al Duce di adeguare la legislazione razziale italiana a quella tedesca.

Le leggi razziali – Il 6 ottobre 1938, il Gran Consiglio del fascismo emanò la dichiarazione in cui vennero enunciati i principali provvedimenti razzisti che il regime avrebbe assunto. Sono stati vietati i matrimoni misti, agli ebrei fu limitato l’accesso a diversi ambiti della società civile e dell’amministrazione pubblica. L’Imperatore Vittorio Emanuele III firmò senza proteste tutti i decreti. Dopo le prime leggi razziali del 1938, gli ebrei italiani furono colpiti da una vera valanga di provvedimenti amministrativi, spingendo molti all’emigrazione.

Gli operai e gli imprenditori – Alla base dell’ideologia nazionalista adottata dal fascismo, c’era la negazione del concetto di lotta di classe, termine importante nel vocabolario dei socialisti. Capitalisti e lavoratori dovevano operare non per i propri interessi, bensì per quelli dello Stato. Il 2 ottobre 1925 venne siglato a Roma l’accordo tra le organizzazioni del padronato e quelle dei lavoratori. Le prime riconobbero il sindacalismo fascista come unico legittimo rappresentante del proletariato, il sindacato, invece, accettò la rinuncia allo sciopero come strumento di lotta e di rivendicazione economica. I lavoratori ed i datori di lavoro dello stesso settore economico venivano riuniti in una corporazione, un’unica organizzazione il cui scopo era di tenere conto delle richieste di tutte le parti tenendo conto anche dell’interesse della nazione. Sotto il fascismo i lavoratori non ebbero più alcuna possibilità di esprimere liberamente la propria voce e le proprie rivendicazioni.

La politica economica del regime – L’Italia fascista continuò ad essere uno Stato capitalista, con l’unica significativa differenza che le organizzazioni sindacali erano state imbavagliate. Ogni decisione concernente i problemi dei lavoratori poteva essere presa d’intesa tra il governo fascista e gli imprenditori. Il regime partecipò in modo attivo nell’economia, intervenendo sui cambi della lira italiana. Una volta fermata la svalutazione della moneta nazionale, il governo fascista si permise l’importazione a minor costo delle materie prime essenziali all’industria. Lo Stato intervenne anche nel settore agricolo con dei provvedimenti riguardanti il grano e le colture cereali. Il governo fascista volle arrivare all’autosufficienza del grano ma non riuscì mai, il prezzo del grano italiano rimase sempre maggiore di quello statunitense obbligando la popolazione a una drastica riduzione dei consumi di questo prodotto.

La Grande depressione del 1929 – Nel 1929 una crisi economica colpì gli Stati Uniti con effetti a livello mondiale. L’Italia nel 1932 si trovò con più di 1 milione di disoccupati. L’industria tessile fu colpita pesantemente. Per contrastare i livelli alti di disoccupazione, lo Stato intervenne nel campo dell’economia creando lavori di pubblica utilità per diminuire il tasso dei ”senza lavoro”. Durante questi anni in Italia nacquero le prime autostrade nel Nord del Paese. Vengono create la IMI (Istituto mobiliare italiano) e la l’IRI (Istituto per la ricostruzione industriale), la prima fu una grande banca pubblica che offriva finanziamenti alle industrie, mentre la seconda assumeva la gestione diretta delle aziende in difficoltà.

La fine del fascismo – Il regime fascista non fu in grado di preparare il Paese a sostenere una grande guerra moderna che iniziò nel 1939. Nel momento in cui Mussolini, nel 1940, ne decise l’ingresso nella Seconda Guerra Mondiale a fianco del Terzo Reich di Hitler, l’Italia non era assolutamente pronta, né economicamente, né militarmente. Nel giro di poco tempo, la completa prostrazione del Paese portò alla destituzione dello stesso Mussolini.

Prima Guerra Mondiale: il conflitto senza frontiere

Introduzione

Casus Belli

Il primo conflitto a scala mondiale vede il suo inizio il 28 luglio 1914 con la dichiarazione ufficiale di guerra dell’Impero Austro-Ungarico contro la Serbia come conseguenza dell’uccisione dell’arciduca Francesco Ferdinando d’Asburgo-Este a Sarajevo (capitale del principato di Bosnia ed Erzegovina, all’epoca sotto dominazione austriaca) messa in atto dal nazionalista serbo Gavrilo Princip.francesco ferdinando

Le radici del crimine risalgono al 1875, anno in cui nelle provincie di Bosnia ed Erzegovina i contadini cristiani si ribellarono contro i grandi proprietari di terra musulmani. I due principati slavi, Serbia e Montenegro, decisero di intervenire a favore dei ribelli bosniaci ancora sotto la dominazione turca. Per la Serbia il sostegno dei ribelli era fondamentale. L’Impero Ottomano sconfisse i ribelli e di conseguenza anche Serbia e Montenegro, fatto che fece l’Impero Russo (alleato della Serbia – entrambi stati ortodossi) entrare nel conflitto a fianco dei serbi seguendo il proprio interesse d’imporre l’influenza russa nella regione con la giustificazione dell’oppressione dei fratelli ortodossi (Serbia, Montenegro, Bulgaria) da parte dei turchi. Dopo un anno di battaglie e sconfitte, l’Impero Ottomano stipulò nel 1878 con la Russia la Pace di Santo Stefano, accordo che prevedeva la nascita di uno stato bulgaro che avrebbe inglobato una buona parte dei territori turchi, ma nello stesso tempo sarebbe stato un docile vassallo politico e militare della Russia. Visto ciò, le grandi potenze europee tra cui l’Impero Austro-ungarico e la Gran Bretagna iniziano a preoccuparsi dell’equilibrio politico del continente, minacciato dall’Impero Russo dopo la sconfitta dei turchi. Entrano in gioco gli interessi nazionali dei maggiori stati del vecchio continente e con essi anche il contrasto di visioni che nel 1914 uscì fuori controllo degenerando in una guerra senza precedenti, la Prima Guerra Mondiale.

Congresso di Berlino

Nell’estate del 1878, le principali potenze l’Inghilterra, Germania, Austro-Ungheria, Russia e l’Impero Turco si riunirono a Berlino per decidere l’assetto politico europeo. Di fronte  una minaccia russa, il primo ministro tedesco Otto von Bismark decide di contrastare gli interessi dell’Impero zarista e quindi obbligare la Russia di rinunciare alla creazione della Grande Bulgaria (come previsto dalla Pace di Santo Stefano del 1878 tra la Russia e l’Impero Turco). Berliner_kongressIn cambio all’appoggio diplomatico, all’Impero Ottomano vengono chieste delle concessioni territoriali a favore dell’Austro-Ungheria e dell’Inghilterra, la prima ottenne la Bosnia ed Erzegovina mentre la seconda si impadronisce dell’Isola di Cipro, importante punto strategico nel Mediterraneo grazie alla vicinanza con il Canale del Suez (Egitto-altra colonia inglese). La Russia quindi esce sconfitta e umiliata diplomaticamente dal Congresso di Berlino, a questo punto il cancelliere tedesco Bismark decise di assicurarsi del sostegno dei suoi alleati in caso di un possibile conflitto con l’Impero Russo. Nel 1879 Bismark stipulò con l’Austro-Ungheria un patto difensivo che garantiva a entrambi gli stati l’appoggio reciproco in caso di attacco proveniente da fuori.

Triplice Alleanza

Italia, Germania e Austro-Ungheria – Dopo l’occupazione della Tunisia da parte della Francia nel 1881, l’Italia cercò di contrastare l’influenza francese nel Mediterraneo, ma lo stato italiano era troppo debole per riuscire ad agire da solo e quindi l’alleanza con le altre potenze europee contro la Francia sembrò all’Italia l’unico modo per giocare un ruolo importante nella politica internazionale. Dopo che la Francia presentò il suo interesse per la Libia e Marocco, in seguito all’occupazione della Tunisia e dell’Algeria, l’Italia decise di stipulare nel 1882 un’alleanza militare di tipo difensivo con la Germania e l’Austro-Ungheria contro i francesi, chiamata Triplice Alleanza. Una guerra nell’Europa occidentale sembrava più che possibile a causa dell’occupazione tedesca delle regioni francesi dell’Alsazia e Lorena nel 1871, mentre l’Italia era pronta ad attaccare lo stato francese in seguito all’espansione incontrollata della Francia nel mediterraneo, così l’Italia rimandava l’annessione di Trento e Trieste, territori a maggioranza italiana sotto dominazione austriaca, in quanto vincolata col il patte militare stipulato precedentemente.

Francia e Russia – la situazione politica e militare obbligò la Francia a trovare nell’Impero Russo un alleato contro i tedeschi, gli austriaci e gli italiani. L’accordo stipulato tra la Francia e la Russia del 1892 ufficialmente legò i due paesi in un’alleanza anti-tedesca, a questi fatti bisogna aggiungere anche l’interesse maggiore dei banchieri francesi che hanno offerto prestiti alla Russia e quindi erano interessati di avere buoni rapporti con l’Impero Zarista.

L’Europa si prepara per la Guerra

Il progresso delle ferrovie – A partire dalla metà degli anni 90 del XIX sec. , il Kaiser tedesco Guglielmo II sentì la necessità di eliminare il pericolo della guerra su due fronti. La domanda principale per i generali tedeschi stava nel: Come combattere 2 avversari su fronti diversi nello stesso tempo? Uno dei generali dello Stato Generale tedesco, Alfred von Schlieffen, elaborò un piano geniale in tal senso. La strategia di von Schlieffen consisteva nelle ferrovie modernissime di cui disponeva il Reich tedesco e al contrario le linee ferroviarie arretrati dell’Impero Russo. Il generale sosteneva che i russi avrebbero perso troppo tempo per impegnare l’esercito raccolto da tutte le parti dell’Impero, e fino che l’avrebbero fatto, i tedesco sarebbero riusciti a conquistare la Francia per poi dislocare tutte le truppe sul frunte russo.

von Schlieffen contro la Francia – Nello stesso tempo, il generale tedesco sviluppò un’altra strategia per conquistare in tempi brevi la Francia. Con tale strategia von Schlieffen Alfred_von_Schlieffen_1906voleva dislocare per i primi mesi della guerra dei piccoli contingenti sul fronte russo e su quello francese, specialmente in Alsazia e Lorena, regioni dalle quali i francesi si aspettavano l’attacco, nel frattempo la maggior parte dell’esercito tedesco avrebbe passato attraversato il Belgio, stato neutrale, e puntare direttamente su Parigi. Taglia la testa al serpente ed il corpo non si muove più, questa era la filosofia di tale strategia.

Kaiser contro la Regina – L’attraversamento del Belgio però, avrebbe provocato l’intervento in guerra dell’Inghilterra, il garante di sicurezza del piccolo paese al confine tra Germania e Francia. I generali tedeschi speravano che la Gran Bretagna si sarebbe limitata a delle proteste formali e non sarebbe intervenuta nel conflitto. D’altra parte l’Inghilterra sentì una politica più che ostile nei suoi confronti da parte dell’Impero Tedesco, fatto alimentato dalle divergenze delle due potenze in campo navale, Londra si sentiva minacciata da Berlino a causa della flota tedesca in espansione. I tedeschi speravano di poter superare gli inglesi costruendo molte navi di assalto, ma l’Inghilterra non si lasciò dominata ed a partire dal 1906 progettò una serie di corazzate chiamate Dreadnoughts, navi di dimensioni enormi dotate di cannoni di grosso calibro e aventi un’elevata velocità di crociera. Germania rispose pari con la costruzione di navi simili a quelli inglesi. A questo punto l’Inghilterra si vede obbligata avvicinarsi ai nemici della Germania, ossia Francia e Russia, per riuscire a sconfiggere il nemico comune, senza però firmare nessun patto militare.

Penisola Balcanica – Prima dell’inizio degli scontri militari del 1914, tutti gli stati si sono uniti in alleanze e trattati internazionali per garantirsi l’appoggio straniero in caso di guerra che sembrava imminente. Uno dei fattori più importanti di instabilità in Europa era sicuramente il Regno di Serbia che, dopo il Congresso di Berlino del 1878, conquistò l’indipendenza ed oltre a questo voleva allargare i suoi territori seguendo l’esempio del Piemonte che aveva unito tutta l’Italia. L’obbiettivo dei serbi era quello di unire tutti i popoli slavi della penisola balcanica (serbi, croati, sloveni, bosniaci, montenegrini, macedoni, bulgari) in uno stato nazionale iugoslavo. Il problema maggiore che si opponeva a tale unione era l’occupazione di alcuni popoli slavi da parte dell’Impero Austro-Ungarico (croati, sloveni, bosniaci) e dell’Impero Ottomano (bulgari, macedoni). BALCANI_QUESTIONE_ok_dizNel mese di ottobre del 1912 la Serbia decise di allearsi con la Grecia (pese di religione ortodossa come Serbia) la Serbia e la Bulgaria creando la Lega Balcanica e attaccando a loro volta l’Impero Ottomano che fu sconfitto pesantemente nella prima delle due guerre balcaniche.

Italia e Francia – Nel 1902 l’Italia e la Francia trovarono un accordo e vantaggioso per tutte le parti. Dopo l’occupazione francese del Marocco, l’Italia poteva occupare la Libia e in questo modo la necessità di contrastare i francesi divenne inutile. L’Italia non si vedeva più obbligata dai trattati firmati con la Germania e l’Austro-Ungheria  ed e questo il motivo per cui il giovane stato italiane non è entrato in guerra fin da subito, bensì nel 1915, un anno dopo l’inizio degli scontri.

L’espansionismo serbo –  Dopo aver perso la prima guerra balcanica, l’Impero Ottomano perse anche i suoi possedimenti nella Penisola Balcanica della quale ai turchi rimase solo l’Istanbul che si trovava in una posizione strategica sul Mar Nero e collegando esso al Mare Mediterraneo. La Serbia conquistò il Kosovo, territorio abitato in gran parte dagli albanesi di religione musulmana con pochissime città a maggioranza serba. Belgrado instaurò un regime di terrore in zona, uccidendo tutti i musulmani del Kosovo senza pietà. L’Austro-Ungheria e l’Italia si preoccuparono dell’arroganza dei serbi e del loro espansionismo nella penisola balcanica che minacciava gli interessi di Viena e di Roma in zona, così , nel 1912, l’Italia e l’Austro-Ungheria hanno istituito il piccolo stato dell’Albania per contrastare la Serbia e per garantire che Belgrado non si conquisti l’uscita al mare. A Viena il regno Serbo veniva percepito come una minaccia diretta della corona austriaca e quindi l’ambizioso stato slavo aveva bisogno di una severa lezione.

l’Inizio della guerra

Fuochi a Sarajevo – Il 28 giugno 1914 a Sarajevo, capoluogo della Bosnia-Erzegovina, un terrorista di soli 19 anni di origine serbo-bosniaca Gavrilo Princip uccise a colpi di pistola l’arciduca austriaco Francesco Ferdinando d’Asburgo e la sua moglie duchessa Sofia. I serbi consideravano il 28 giugno un giorno importante a causa di fatti storici del passato, e quindi, il 28 giugno doveva essere un simbolo del risorgimento della nazione serba.

Ultimatum – Il governo austriaco, convinto che l’uccisione è stata organizzata dallo stato serbo, dopo aver consultato il governo tedesco che ha rassicurato l’Austria del suo sostegno militare in caso di entrata in guerra della Russia, in data di 23 luglio 1914 presenta all’ambasciatore serbo a Viena l’ultimatum al qual Belgrado era dovuto rispondere entro 48 ore. Non rispondendo affermativo alle pretese di Viena, il 25 luglio il governo serbo intervenne con un comunicato nel quale qualifica le richieste austriache come ”esagerate e ingiuste”. Successivamente l’Austro-Ungheria, il 28 luglio 1914, consegna al governo serbo una formale dichiarazione di guerra.

Tutti contro tutti – Per la Germania i tempi di decisione divennero stretti e quindi bisognava agire nel modo più veloce, mettendo il piano di von Schlieffen in azione il prima possibile. L’Impero Russo ebbe schierato le proprie truppe al confine con la Germania e l’Austro-Ungheria, il 31 luglio 1914 Berlino inviò un’ultimatum a Mosca per fermare le ”misure prese contro lo stato tedesco” e dopo un breve periodo di silenzio da parte dei russi il 1° agosto 1914 l’impero tedesco entrò ufficialmente in guerra con Russia e di conseguenza anche con il suo alleato occidentale Francia.

L’opposizione socialista in Europa – L’ideologia socialista diceva che tutti gli operai del mondo sono uguali e quindi non erano divisi dai confini degli stati, motivo per cui li socialisti europei all’inizio erano contrari all’entrata in guerra dei loro paesi. La situazione cambiò presto e nell’agosto del 1914 in nessuno dei paesi europei non c’era l’opposizione alla guerra in quanto i socialisti si affrettarono ovunque ad allinearsi, cioè ad approvare l’ingresso in guerra.

Invasione del Belgio – Il 2 agosto il governo di Berlino obbliga il Belgio a fare passare le truppe tedesco sul suo territorio per attaccare la Francia. La risposta di Bruxelles fu negativa e l’esercito tedesco passò con la forza ila dogana belga. L’Inghilterra, garante dell’indipendenza del piccolo stato belga, fin ora si limitò a guardare lo sviluppo del conflitto, ma il 4 agosto alle ore 23, dopo 7 ore dall’entrata del esercito tedesco, Londra dichiara guerra a Berlino. La guerriglia belga contro l’esercito tedesco fu impressionante. Dopo queste azioni il comando tedesco decise di massacrare i civili come punizione e lezione agli altri.mappabelgio

Nuovo modello di guerra – Il piano di Schlieffen prevedeva una rapida avanzata verso Parigi, ma dopo un mese le truppe tedesche erano ancora bloccate in Belgio, e parte dell’esercito doveva essere dislocata in altri campi per contrastare l’offensiva russa nella Prussia orientale e quella francese in Alsazia. Paul von Hindenburg ed Erich Ludendorff, due generali tedeschi, il 30 agosto 1914 ottennero una grande vittoria a Tannenberg, che provocò perdite importanti ai russi (30 mila morti e 120 mila prigionieri). L’attacco contro Parigi non ha avuto successo, pertanto l’esercito francese di 1 milione di soldati con l’appoggio di 125 mila inglesi riuscì a cacciare più di 1 milione di soldati tedeschi lontano da Parigi. Nessun conflitto nel passato aveva visto  un tale spiegamento di forze. I tedeschi tentarono di conquistare i principali porti francesi della Manica ma anche questa operazione fallì. Dall’ottobre 1914 la guerra si bloccò del tutto e il conflitto si trasformo in una guerra di posizione, gli eserciti si trovavano a 100 metri distanza ma non riuscivano sconfiggere l’avversario.

La guerra di trincea – Dall’ottobre 1914 e fino al 1918, il fronte non subì alcun cambiamento significativo. L’utilizzo delle armi moderne (la mitragliatrice) e del filo spinato rendevano ogni attacco privo di senso con moltissime vittime. Neppure l’utilizzo delle armi chimiche come il gas non riuscì a spezzare la situazione. Il 22 aprile 1915 nei pressi della città belga di Ypres, i tedeschi hanno utilizzato per la prima volta il gas che però costituì una minaccia non solo per glia avversari ma anche per i tedeschi stessi.

Le grandi battaglie – Nel 1916 si combatterono le 2 battaglie più sanguinose della guerra. L’offensiva tedesca a Verdun e l’attacco inglese nella valle del fiume Somme. La prima vide il successo dei francesi mentre la seconda ha visto la vittoria dei tedeschi e una grossa disfatta degli inglesi.

Le risorse umane – Anche se l’unico paese europeo a non possedere la coscrizione obbligatoria nel 1914, verso la fine del conflitto la Gran Bretagna riuscì a impegnare più di 4 500 000 soldati chiamando alle armi anche i sudditi delle colonie e stati del Commonwealth come Canada, Australia, Nuova Zelanda e India. In Germania la quota dell’esercito arrivò a 11 000 000 di uomini mobilitati. Queste cifre dimostrano come la Prima Guerra Mondiale fu davvero un conflitto di massa.

l’Economia di guerra – Il protrarsi della guerra provocò una specie di rivoluzione economica e riorganizzazione del piano economico dei paesi, soprattutto della Germania. Dopo il blocco navale inglese, finalizzato a paralizzare il commercio bilico dell’Impero Tedesco, la Germania decise di organizzare la sua economia in modo da resistere all’influenza esterna. L’industriale tedesco Walther Rathenau già nell’agosto del 1914 sollecitò al kaiser l’istituzione di un ministero per le Materie prime. Questo ministero, una volta istituito, gestivo in modo esclusivo le scorte di materie prime disponibili in Germania e provenienti dall’estero, come per esempio il rame e il nitrato di potassio proveniente dal Cile necessari per la produzione di granate ed esplosivi. Il modela liberale dell’economia secondo cui il mercato si autoregolava in base alle regole della domanda e dell’offerta viene sostituito con il modello di mercato controllato dove lo Stato era l’unico arbitrio della dinamica economica. La carenza di materie prime a causa del blocco navale fu risolta grazie ai sottomarini che portavano il potassio ed il rame dal Cile senza essere scoperti dall’Inghilterra che ostacolava il commercio della Germani. Come risposta, i sottomarini tedeschi annegavano le navi inglesi sia militari che civili in questo modo creando alla Gran Bretagna delle difficoltà di ordine economico e civile.

Il fallimento della strategia tedesca – Dopo l’offensiva marina dei tedeschi, l’Inghilterra decise di adottare una nuova politica. Nella primavera del 1917 il governo inglese si trovava in un momento critico. I sottomarini tedeschi annegavano le navi inglesi danneggiando in questo mondo non solo i militari ma anche i civili e l’industria alla quale mancavano le materie prime. Londra decise che le navi mercantili inglesi dovevano attraversare l’Atlantico solo in gruppi, ben protette dalla marina da guerra. E’ questo sicuramente uno dei motivi per i quali la Germania ulteriormente a subito la sconfitta, mentre l’Inghilterra riusciva a sostenere il consumo interno, la Germania era soffocata dalla carenza di materiali per la guerra ma anche alimentari.

L’intervento americano

Le proteste in Europa – Il protrarsi della guerra produceva l’aumento dei prezzi. Il malcontento della popolazione civile veniva continuato anche dai soldati i quali si erano stancati di combattere. Il 1917 fu l’anno decisivo del conflitto. A Berlino più di 200 000 operai chiesero l’apertura delle trattative di pace. Il 27 maggio 1917, 30 000 soldati francesi abbandonarono le trincee. Il 1° giugno 1917 a Missy-aux-Bois, un reggimento di fanteria francese si impadronì  della città e proclamò di voler iniziare le trattative di pace istituendo un contro-governo. I governi tedesco e francese sono stati obbligati a procedere con le repressioni e interventi finalizzati a migliorare le condizioni di vita dei soldati al fronte.

Russia

La fine dell’Impero – Mentre in Francia l’esercito tornò a obbedire agli ordini dei suoi generali, in Russia la situazione peggiorò costantemente. Dopo le sconfitte pesanti dell’esercito zarista contro i tedeschi, i russi si ritirarono su tutti i campi, così già nell’agosto del 1915 l’esercito di kaiser occupò Varsavia. All’inizio del 1917 i disertori erano almeno 1,5 milioni. La Germania aveva di fatto vinto la guerra nell’Est Europa. Il costo della vita nelle città russe è aumentato di 700% portando la popolazione civile alla disperazione.

La nascita del comunismo – La fame e il freddo hanno provocato all’inizio del 1917 alla caduta dello zar e la creazione di un governo provvisorio che tentò di continuare la guerra. Al contrario, i comunisti di Vladimir Lenin proclamarono a gran voce che, se fossero stati al potere, avrebbero immediatamente firmato la pace separata con la Germania. Tra ottobre e novembre del 1917 il caos in Russia a permesso a Lenin di effettuare un colpo di stato a Pietrogrado (oggi San Pietroburgo) e di instituire un governo comunista che il 3 marzo del 1918 firmò la pace di Brest-Litovsk (Bielorussia). congreso pace 1Con tale accordo, la Russia si obbligava uscire dalla guerra e conferire all’Ucraina l’indipendenza da Mosca per diventare un satelite della Germania. Lenin accettò tutte le condizioni umilianti dei tedeschi, essendo preoccupato in primo luogo di rafforzare il proprio potere.

gli SUA entrano in guerra

L’intervento dall’oltreoceano – Per la Germania, la pace con la Russia significava l’opportunità di mandare una buona parte del suo esercito sul fronte occidentale e sconfiggere gli inglesi e i francesi prima dell’intervento degli americani. L’entrata in guerra degli Stati Uniti ha rappresentato l’ultimo passo verso la fine della guerra. Ormai persa la guerra sul mare, la Germania aveva orientato tutte le sue forze per riuscire a imporsi nell’occidente. La gigantesca produttività dei cantieri americani ed il numero dei soldati impegnati da Washington nel conflitto hanno reso inutili gli attacchi dei tedeschi.

I 14 punti di Thomas Woodrow Wilson – L’8 gennaio 1918 il presidente americano Thomas Woodrow Wilson, in un messaggio al Congresso, enunciò in 14 punti gli obbiettivi degli Stati Uniti per ottenere la vittoria:

1) Pubblici trattati di pace, stabiliti pubblicamente e dopo i quali non vi siano più intese internazionali particolari di alcun genere, ma solo una diplomazia che proceda sempre francamente e in piena pubblicità.

2) Assoluta libertà di navigazione per mare, fuori delle acque territoriali, così in pace come in guerra, eccetto i casi nei quali i mari saranno chiusi in tutto o in parte da un’azione internazionale, diretta ad imporre il rispetto delle convenzioni internazionali.

3) Soppressione, per quanto è possibile, di tutte le barriere economiche ed eguaglianza di trattamento in materia commerciale per tutte le nazioni che consentano alla pace, e si associno per mantenerla.

4) Scambio di efficaci garanzie che gli armamenti dei singoli stati saranno ridotti al minimo compatibile con la sicurezza interna.

5) Regolamento liberamente dibattuto con spirito largo e assolutamente imparziale di tutte le rivendicazioni coloniali, fondato sulla stretta osservanza del principio che nel risolvere il problema della sovranità gli interessi delle popolazioni in causa abbiano lo stesso peso delle ragionevoli richieste dei governi, i cui titoli debbono essere stabiliti.

6) Evacuazione di tutti i territori russi e regolamento di tutte le questioni che riguardano la Russia senza ostacoli e senza imbarazzo per la determinazione indipendente del suo sviluppo politico e sociale e assicurarle amicizia, qualsiasi forma di governo essa abbia scelto. Il trattamento accordato alla Russia dalle nazioni sorelle nel corso dei prossimi mesi sarà anche la pietra di paragone della buona volontà, della comprensione dei bisogni della Russia, astrazione fatta dai propri interessi, la prova della loro simpatia intelligente e generosa.

7) Il Belgio – e tutto il mondo sarà di una sola opinione su questo punto – dovrà essere evacuato e restaurato, senza alcun tentativo per limitarne l’indipendenza di cui gode al pari delle altre nazioni libere.

8) Il territorio della Francia dovrà essere completamente liberato e le parti invase restaurate. Il torto fatto alla Francia dalla Prussia nel 1871, a proposito dell’Alsazia–Lorena, torto che ha compromesso la pace del mondo per quasi 50 anni, deve essere riparato affinché la pace possa essere assicurata di nuovo nell’interesse di tutti.

9) Una rettifica delle frontiere italiane dovrà essere fatta secondo le linee di demarcazione chiaramente riconoscibili tra le nazionalità.

10) Ai popoli dell’Austria–Ungheria, alla quale noi desideriamo di assicurare un posto tra le nazioni, deve essere accordata la più ampia possibilità per il loro sviluppo autonomo.

11) La Romania, la Serbia e il Montenegro dovranno essere evacuati, i territori occupati dovranno essere restaurati; alla Serbia sarà accordato un libero e sicuro accesso al mare, e le relazioni specifiche di alcuni stati balcanici dovranno essere stabilite da un amichevole scambio di vedute, tenendo conto delle somiglianze e delle differenze di nazionalità che la storia ha creato, e dovranno essere fissate garanzie internazionali dell’indipendenza politica ed economica e dell’integrità territoriale di alcuni stati balcanici.

12) Alle regioni turche dell’attuale impero ottomano dovrà essere assicurata una sovranità non contestata, ma alle altre nazionalità, che ora sono sotto il giogo turco, si dovranno garantire un’assoluta sicurezza d’esistenza e la piena possibilità di uno sviluppo autonomo e senza ostacoli. I Dardanelli dovranno rimanere aperti al libero passaggio delle navi mercantili di tutte le nazioni sotto la protezione di garanzie internazionali.

13) Dovrà essere creato uno stato indipendente polacco, che si estenderà sui territori abitati da popolazioni indiscutibilmente polacche; gli dovrà essere assicurato un libero e indipendente accesso al mare, e la sua indipendenza politica ed economica, la sua integrità dovranno essere garantite da convenzioni internazionali.

14) Dovrà essere creata un’associazione delle nazioni, in virtù di convenzioni formali, allo scopo di promuovere a tutti gli stati, grandi e piccoli indistintamente, mutue garanzie d’indipendenza e di integrità territoriale.

L’atteggiamento degli USA nei confronti dell’Europa – I 14 punti di Woodrow Wilson segnano una svolta decisiva. Gli USA escono dall’isolamento e si affermano come potenza mondiale. La guerra è stata vinta dai francesi e inglesi, ma con l’aiuto degli americani. L’Europa è rimasta comunque sia il centro politico del mondo e non sentiva un’influenza militare americana così come lo è stato dopo la seconda guerra mondiale.Uncle_Sam_pointing_finger

La fine della Guerra – Il 21 marzo 1918 l’esercito tedesco iniziò una grande offensiva che , secondo i generali Hindenburg e Ludendorff, avrebbe dovuto sfondare il fronte occidentale. L’attacco ebbe una tale potenza che i tedeschi sono riusciti a minacciare di nuovo Parigi come nel 1914. L’offensiva proseguì per 4 mesi. Gli inglesi, i francesi e gli americani sono riusciti a respingere gli attacchi tedeschi. Tuttavia a Berlino non si decidevano di proporre la pace, consapevoli del fatto che gli alleati avrebbero accettato solo la resa senza condizioni. Il 3 novembre 1918, giorno della capitolazione dell’Impero Austro-Ungarico, a Kiel (sul Mar Baltico), 3 000 marinai tedeschi seguiti da 20 000 soldati si ribellarono contro il governo tedesco e chiesero la fine della guerra. Dopo le rivolte di Monaco, il 7 novembre, e di Berlino, il 9 novembre, il kaiser tedesco abdicò e la Germania diventò una repubblica. L’11 novembre 1918, alle ore 5:30, la delegazione tedesca firmò l’armistizio con le potenze alleate. Alle ore 11 dello stesso giorno la guerra era ufficialmente terminata. Il primo conflitto su scala mondiale provocò la morte di 9 000 000 di soldati e 5 000 000 di civili. La guerra lasciava fra gli sconfitti un pesante strascico di odio, di rancore e di fanatismo ideologico che avrebbero costituito il principale retroterra del fascismo, comunismo e del nazionalsocialismo.

L’Italia, dalla neutralità all’intervento.

Возвращение к норме

Возвращение к норме. Как объяснить страшные новости с мировых рынков – Владислав Иноземцев / slon.ru

Глобальную экономику лихорадит – и хотя в Москве ее учащенное и прерывистое дыхание заглушается рождественскими молебнами, очень скоро масштаб проблем станет очевидным и для тех, кто начинает год не со 2-го, а с 11-го января. И вопрос, который встанет перед жителями России, не будет оригинальным: с чем мы столкнулись – с новым приступом болезни, которая способна свести глобальную экономику в гроб, или с одним из последних припадков на пути к продолжительному выздоровлению? Пусть это и покажется странным, но я придерживаюсь именно последней версии.

Если попытаться объяснить происходящее максимально просто, то ситуация сегодня крайне напоминает историю тридцатилетней давности, хотя и с очевидными отличиями. Напомню: тогда мир с трудом выходил из кризисов 1970-х и начала 1980-х годов; экономики США и Европы были подорваны десятилетием высоких цен на нефть, высшей точкой гонки вооружений, серьезными пертурбациями на финансовых рынках. Но уже в 1983–1984 гг. стали заметны ответные меры: инфляция была подавлена, доллар стремительно рос, капиталы со всего мира возвращались в Америку. Очень скоро оказалось, что период высоких цен на нефть заложил основы разрушения не американской, а советской экономики; рост на Западе ускорился, «холодная война» закончилась, и 1990-е стали временем, когда пора было задумываться о конце истории – настолько успешен был Запад. Сегодня стартовые позиции для нового витка истории – нового, но направленного в ту же сторону, как и случившийся во второй половине 1980-х и в 1990-е годы – даже более благоприятны, и все говорит о том, что мы стоим на его пороге.

В чем же можно увидеть логику экономических флуктуаций последних нескольких десятилетий?

В 1970-е годы настроения на Западе были довольно апокалиптическими. Освободившиеся от колониализма страны глобальной периферии требовали Нового мирового экономического порядка (NIEO). Арабские государства дважды повышали цены на нефть, благодаря чему в 1982 г. они были выше уровней 1972 г. в 13,3 раза в номинальном выражении. Годовая инфляция в США в 1980 г. достигла исторического максимума в 10,3%. Индекс DJIA летом 1984 г. был вдвое ниже, чем в декабре 1972-го. По формальным признакам СССР находился на вершине могущества, начиная вторжение в Афганистан с куда большей легкостью, чем США – в Ирак в 2003-м. Япония казалась опасным хозяйственным соперником, грозящим в не слишком отдаленном будущем сместить Америку с позиции крупнейшей экономики мира. Что произошло позже, хорошо известно: отвечая на вызовы, Запад «воспрял». Технологическая революция вернула ему глобальное лидерство, увязшие в долгах развивающиеся страны оказались банкротами (в 1984–1987 гг. в мире было зафиксировано рекордное число суверенных дефолтов), конец Советского Союза был быстрым и печальным.

Собственно, именно с того времени и начался новый виток истории, в наилучшей степени показывающей, что даже горький опыт не в состоянии научить ничему тех, кто не хочет (или не умеет) учиться.

Три стадии

Первый этап витка пришелся на 1990-е и первую половину 2000-х годов. Основными трендами этого периода стали индустриализация развивающихся стран и подготовка почвы для ценовой революции на сырьевых рынках. Стремительное развитие обрабатывающих производств в Азии снизило цены на большинство потребительских и высокотехнологичных товаров и тем самым расширило спрос. Последний, в свою очередь, потребовал совершенно иных объемов производства, что спровоцировало повышение цен почти на все виды сырья. Азиатский кризис 1997–1998 гг. с сегодняшних позиций выглядит легкой простудой, на несколько месяцев прервавшей индустриальный ренессанс. Возможности Китая стали казаться безграничными, а Джим О’Нил с его идеей возвышения BRICS оказался столь же популярен, как ранее Фрэнсис Фукуяма с трактовкой «конца истории» (но, судя по всему, и поторопился он приблизительно так же). На волне роста цен на ресурсы поднялись страны, в иной ситуации не имевшие и минимального шанса на успешное развитие (прежде всего – Нигерия, Венесуэла, да и Россия, как это ни прискорбно).

В нормальном мире интеллект вознаграждается больше, чем примитивная наглость

Второй этап наступил в середине 2000-х годов, когда на рынки вернулась относительная стабилизация. Цены на нефть в целом выровнялись (даже принимая во внимание падение в 2009 г., в 2007–2014 гг. они оставались на среднем уровне в $92,7 за баррель в номинальном выражении, что превышало средние уровни 1990-х годов в 3,4 раза в сопоставимых ценах [все расчёты – по BP Review of World Energy 2015]. Западные экономики адаптировались к высоким ценам на сырье, а долговой кризис 2008–2009 гг. был купирован за счет крайне низких процентных ставок, которые оказались приманкой для развивающихся стран, начавших активно занимать на мировых рынках. В результате Запад сумел пережить относительно тяжелое время намного менее болезненно, чем это имело место тридцать лет назад. Высокие котировки на рынках сырья привели к невиданной волне ресурсосбережения, резкому росту производства энергии из возобновляемых источников и революции в нефте- и газодобыче. Все это создало основу для роста промышленного производства в США и Европе, в то время как периферийные потребительские рынки оказались насыщенными. Логичным следствием стало замедление китайской экономики, выступившее первым триггером снижения цен на сырье. Ресурсодобывающие страны, жившие в последние годы далеко не по средствам, продолжили поставлять свои товары на мировой рынок в неснижающихся объемах, спровоцировав новую волну падения цен.

Третий этап, начинающийся на наших глазах, имеет все шансы оказаться повторением ситуации середины 1980-х. ФРС продолжит (а ЕЦБ начнет) повышать процентные ставки, что приведет к оттоку средств с развивающихся рынков и потере резервов их центральными банками (Китай только что сообщил о сокращении таковых на $512 млрд по итогам 2015 г.). Возвращающиеся инвестиции поддержат американскую и европейскую экономики и спровоцируют ралли доллара против большинства валют, вопреки прогнозам хазиных и делягиных. Нефтеэкспортеры продолжат ценовую конкуренцию, доведя котировки до $25–27 за баррель (что сопоставимо с ценами конца 1990-х, с учетом инфляции), но и это не убьет американских производителей нефти и газа. Через несколько месяцев резкое падение спроса на потребительские товары в большинстве регионов мира станет очевидным, и Китаю придется не раз и не два останавливать торги на своей фондовой бирже. Рынки перестанут доверять пекинской статистике, понимая, что реальный рост экономики КНР в 2016 г. не превысит 4–4,5%. Спад в России окажется более существенным, чем в 2015-м, и единственной среди стран BRICS, кто еще будет подавать надежды, останется Индия. Относительно благополучно из ситуации выйдут только те страны, которые обладают хотя и сырьевой, но относительно диверсифицированной экономикой – Норвегия, Канада, Австралия, Объединенные Арабские Эмираты.

И снова ренессанс

Таким образом, мир, вероятно, вступает в очередную фазу ренессанса Запада,подобную той, что сменила масштабные кризисы 1973–1981 гг. Этот период может продлиться по крайней мере до второй половины 2020-х годов и будет, как и прежний, основываться на крайней стабильности западной финансовой системы, сохранении США и Европы как самого надежного места для инвестиций, а также на очередной инновационной волне, фокусирующейся в этот раз на технологиях возобновляемой энергии и ресурсосбережения, биотехнологиях и медицине, а также приближении к созданию искусственного интеллекта. На это время следует забыть о нескольких мифах, которыми тешили себя российские политики и эксперты в последние годы – прежде всего о неизбежности краха доллара; о устойчивости высоких цен на нефть или их скором возвращении; о необратимом возвышении стран BRICS и скорой потере Америкой первой строки в глобальной «табели о рангах»; ну, и, вероятно, о знаменитом «вставании с колен», которым так гордится Россия.

George Soros @ World Economic Forum / credits: http://www.hangthebankers.com/
George Soros @ World Economic Forum / credits: http://www.hangthebankers.com/

Можно ли считать происходящее «новым глобальным кризисом», о котором сегодня говорят многие гуру, включая Джорджа Сороса и других известных инвесторов? Отчасти да, но, повторю еще раз, я воспринимаю этот сдвиг в гораздо большей мере как возвращение к норме, которая время от времени нарушается теми или иными, объективными или случайными, обстоятельствами. В нормальном мире интеллект вознаграждается больше, чем примитивная наглость; следование правилам является лучшей дорогой к успеху, чем их нарушение; опора на труд и человеческий капитал окупаются намного лучше, чем надежда на бесконечную сырьевую ренту. Волна подъема глобальной периферии, которой были ознаменованы 2000-е годы, принесла массу позитивных результатов, выведя из состояния бедности сотни миллионов людей и невиданным образом расширив рынки для современной высокотехнологической продукции. Но она не сделала того, что многие в Москве и Каракасе, эр-Рияде и Лагосе, Пекине и Йоханнесбурге ещё вчера воспринимали как данность – она непревратила мировую периферию во чтолибо иное. И это, в конце концов, означает, что глобальной революции в мировой экономике и политике не состоялось, а мировой порядок, сложившийся на протяжении последних веков, имеет все шансы устоять.

Пусть хотя бы это станет утешением для кремлевских политиков, которые так не любят революций и так ратуют за стабильность. Потому что других поводов для радости у них еще долго не будет…

Original article: https://slon.ru/posts/62202
© 2016, Владислав Иноземцев – Доктор экономических наук, директор Центра исследований постиндустриального общества / slon.ru
Adapted by Vlad Gonta

Sunni and Shia in the Middle East / New York Times

Shades of Islam in the Arabian Peninsula

Wahhabism, an ultraconservative doctrine linked to Sunni Islam, is embraced by about a quarter of the Saudi population, according to Michael Izady, a historian and cultural geographer who has mapped ethnicity and religion for Columbia University. But many Saudis are not so conservative and the country also has a sizeable Shiite minority. Saudi Arabia’s mass execution of 47 men on terrorism-related charges last week included Sunnis and Shiites.

The Shiite Presence Beyond Iran

iran

There are about three Shiites for every five Sunnis in the Middle East. Most of the Shiites are in Iran, but they are also the majority in countries like Azerbaijan, Bahrain and Iraq, and are a significant political and military force in Lebanon and Syria.

Iran is also home to about eight million Sunnis who make up about 11 percent of the population. The country is accused of supporting the Shiite Houthi insurgents in Yemen and of fomenting Shiite opposition in Bahrain and Saudi Arabia. It is a key supporter of Hezbollah, the Lebanese Shiite militia, and of president Bashar al-Assad in Syria.

New York Times 2016
© Adapted by Vlad Gonta

Stratfor’s Analysis

Eastern Europe: Finding Strength in Numbers (Stratfor’s Analysis on Eastern Europe countries’ geo-political future)

Summary

Editor’s Note: This is the third installment of a five-part series that explores the past, present and future of the confrontation between Russia and the West on the Eurasian landmass. Part one explored the origins of the conflict and part two examined Ukraine, caught between East and West.

The competition between Russia and the West has been played out heavily in Ukraine throughout history. But that is just one part of a much wider swath of territory in Eastern Europe that has been caught up in the great rivalry. Today, this territory consists of Belarus, Moldova and the Baltic states of Estonia, Latvia and Lithuania.

Each of these countries has chosen its own path since the fall of the Soviet Union. Some have remained staunch supporters of Russia, others have enthusiastically embraced European institutions, and others still have shifted uncertainly between the two. In the next quarter century, the countries of Eastern Europe will begin to coalesce, forming a new regional bloc that will pool the economic and military strength of its members.

Analysis

The story of Belarus is similar to the story of Ukraine. Belarus was first drawn into the Russia-West rivalry because it belonged to eastern Slavic state of Kievan Rus. After the collapse of Kievan Rus in the 13th century, the Grand Duchy of Lithuania pulled Belarus into its domain, which later became the Polish-Lithuanian Commonwealth. The Poles and Lithuanians ruled Belarus for hundreds of years, until the commonwealth broke apart amid the Partitions of Poland of the 18th century. Belarus then joined the Russian Empire and, after a brief period of independence following the Russian Revolution, the Soviet Union.

The Baltic states followed a somewhat different path. Neither Estonia nor Latvia was a part of Kievan Rus. Instead, they were incorporated into the various Scandinavian and Germanic empires that existed throughout most of the Middle Ages. Lithuania, on the other hand, was a power in its own right: It began as the Grand Duchy of Lithuania in the 13th century before merging with Poland to form the Polish-Lithuanian Commonwealth in the 16th century. Like their neighbors, all three Baltic states became part of the Russian Empire and, eventually, the Soviet Union.

Moldova can also trace its roots beyond Slavic territory. Moldova began as a part of Romania, and by the time it was absorbed into the Russian Empire at the turn of the 19th century, it had not yet formed a cultural or political identity of its own. Russia promoted Moldova’s assimilation through an extensive Russification program, setting Moldova apart culturally and politically from Romania. Though Moldova briefly returned to Romanian hands after the Russian Revolution, the Soviet Union later reincorporated it into Russian territory during World War II.

The Past 25 Years: Tangled Alliances

Since gaining independence after the fall of the Soviet Union, Belarus has had a relatively steady foreign policy agenda. Belarusian President Aleksandr Lukashenko, who has kept his grip on power since winning the country’s first presidential election in 1994, has maintained many elements of the country’s former Soviet structure, including the extreme centralization of power within the executive branch and an economy dominated by the state. Lukashenko has also continued to promote close economic and military integration with Russia; his country is a member of the Russia-led Eurasian Union and the Collective Security Treaty Organization military alliance. Belarus and its leader keep their distance from the West and have avoided integration initiatives such as the European Union’s Eastern Partnership program. Belarus has even participated in joint military exercises with Russia near Europe’s periphery. And, while it is true that Lukashenko has helped mediate talks between Russia and the West since the crisis in Ukraine broke out in 2014, Belarus remains steadfastly aligned with Russia.

The Baltic states, on the other hand, have adopted a resoundingly pro-West stance since the Soviet Union’s collapse. Almost immediately after gaining independence, Estonia, Latvia and Lithuania began the process of joining the European Union and NATO. In 2004, they became members of both blocs. All three are part of the eurozone and support a NATO buildup in their territory to deter Russian aggression. Despite the presence of Russian minority populations, through which Moscow exerts its influence, the Baltic states have maintained close ties to the West.

Moldova, marred by political instability stemming from deep divides between the country’s pro-Russia and pro-West factions, has wavered somewhere between Belarus and the Baltics. Immediately after gaining its independence, Moldova descended into armed conflict between security forces and separatists in the pro-Russia region of Transdniestria. The conflict enabled Transdniestria to break away from Moldova, and Russia continues to support the region militarily and economically to this day. Meanwhile, Moldova is struggling to form a coherent foreign policy because of the deep political rifts that remain in place. The Russia-leaning Vladimir Voronin led the country from 2001 to 2009 before being toppled during a pro-Europe revolution. Voronin’s ouster brought in the pro-West Alliance for European Integration government, which has been so mired in political disputes that it has collapsed several times within the past five years. Now, a weak interim administration governs Moldova, and the country’s political system remains split between pro-Russia and pro-West forces.

The Next 25 Years: Tightening Regional Ties

In the coming decades, Eastern Europe will undergo a radical demographic change. According to the United Nations’ 2015 World Population Prospects report, Belarus, the Baltics, Moldova and Ukraine all rank among the 15 countries expected to see the biggest population declines by 2050. The population of Belarus will drop by 14.4 percent, from 9.5 million people to 8.1 million, while Moldova’s will fall by 20.3 percent, from four million people to 3.2 million. Similar numbers are expected for the Baltic states: Estonia’s population will decrease by 14 percent, from 1.3 million people to 1.1 million; Latvia’s population will decrease by 19.1 percent, from two million people to 1.6 million; and Lithuania’s population will decrease by 17.5 percent, from 2.9 million people to 2.4 million.

Such demographic change will reshape these countries’ economies and politics as well as their foreign policy orientations. As their populations shrink, Eastern European nations will be forced to forge partnerships to avoid economic downturns and to protect themselves from external threats. In fact, they have already begun to do so. Belarus has tied itself to Russia, the Baltic states have aligned with Europe, and Moldova (with the exception of Transdniestria) has sought to meaningfully integrate with the West. In the coming quarter century, the goal will remain the same, though how Eastern European countries achieve it may change.

Belarus’ unwavering loyalty to Russia may come into question in the next 25 years. Its orientation has been defined by a single administration that is heavily centered on one personality: Lukashenko. His successor could easily choose a different course. As Russia struggles to address its own demographic decline and with a new generation of Belarusians with fewer ties to the Soviet era moving into positions of political leadership, it is possible that Belarus will join the pro-West camp. The growing availability of non-Russian energy supplies, especially via liquefied natural gas import terminals in Poland and the Baltic states, will ease Belarus’ dependence on Russia in the long run.

As with Ukraine, this will not necessarily lead to Belarus joining the European Union or NATO. Instead, the country could move to strengthen ties with its neighbors, potentially creating a bloc similar to the Polish-Lithuanian Commonwealth that includes Ukraine and the Baltic states. The United States, because of its own long-standing interest of containing Russia, would likely support such a bloc, giving countries like Belarus even more incentive to join.

The formation of an Eastern European alliance would be particularly attractive to the Baltic countries, which will be collectively populated by only roughly 5 million people by 2050. By joining forces with Poland, Belarus and Ukraine, this figure would rise to at least 80 million people. In this way, the Baltic states could overcome their small sizes and deter Russian interference in the region.

Moldova will need the security of a collective economic and military union too, since it is also facing a steep demographic decline. While it is possible that Moldova could rejoin Romania, whether officially or in a de facto sense, Romania’s demographic troubles are shaping up to be even worse than Moldova’s. A new Eastern European bloc might therefore appeal to both countries, which share other potential members’ proximity to and fear of Russia. Members would also have other similar priorities, including the diversification of their energy sources and the weakening of Russian influence in the European borderlands.

A potential Eastern European bloc composed of Belarus, Ukraine, Moldova, Romania and the Baltic States would have a population comparable to Russia’s in the coming decades. Economically, it would likely be more advanced and sophisticated than Russia. The gap between the two would only grow as Russia’s position as the region’s dominant energy supplier weakens over time. Militarily, the bloc could be capable of defending itself from Russia if it received support from the United States. Given Washington’s long-standing interest in countering Russia’s power plays, this would not be an unlikely scenario.

Of course, Russia will not be forced to retreat completely behind its own borders. It will continue to be an important player in the region, especially in Belarus and parts of Moldova, where its cultural ties are strongest. However, this affinity will be overshadowed by the economic and military integration taking place within Eastern Europe, making it far more difficult for Moscow to extend its influence there. Meanwhile, the region will shift further toward the West over the next 25 years, forming a highly integrated bloc of like-minded countries that will help to shape the Continent in its own right.

Lead Analyst: Eugene Chausovsky
Adapted by Vlad Gonta

Vlad Gonța's signature black(All rights reserved by © Stratfor 2015)

Crisi mediorientale, terrorismo ed implicazioni globali

Ore 20:30, Bologna, 14 dicembre 2015, Aula III della Facoltà di Lettere e Beni Culturali (Alma Mater/UNIBO), Dipartimento di Filosofia, inizia l’incontro durante il quale è stato affrontato un tema sensibile di interesse maggiore, il terrorismo.

La professoressa Francesca Biancani, docente di storia del Medioriente preso la Scuola di Scienze Politiche a Forlì, introduce il suo discorso con un saluto ed un ringraziamento per la presenza di un numero così elevato di studenti, ragazzi dell’Università di Bologna ma anche di altre università o scuole superiori (mio esempio), in totale più di 200 persone.

Terrorismo – una parola che nel linguaggio di oggi viene usata più di molte altre. Del terrorismo ne sentiamo parlare in strada, nei bar, tra gli amici, molto spesso ai telegiornali, soprattutto quando in qualche parte ”sperduta” del mondo vengono commessi degli attentati. Cosa facciamo noi, occidentali? – si chiede la prof.ssa – percepiamo il fatto come una norma. Molte volte sentiamo nei discorsi delle gente frasi come: ”Beh, lì succedono sempre ste cose !”, oppure ”Tanto fino a noi non ci arriveranno!”. Penso che la strage di Parigi a gennaio e novembre di quest’anno ci dovrebbero far capire quanto siamo veramente vicini ai conflitti, anche se questi si trovano a migliaia di chilometri dalle nostre case – aggiunge la prof.ssa. Il nemico è ovunque e da nessuna parte. I terroristi aspettano il loro momento per creare l’esplosione non solo fisica ma anche sociale. L’insicurezza e la paura che viene cimentata nei pensieri delle persone, questo è lo scopo dei jihadisti e di quelli che si fanno saltare in aria sulle nostre strade, in mezzo dell’Europa, nel cuore della nostra civiltà.

Quali sono le origini, le motivazioni e lo scopo finale di questi assassini medievali con volti moderni? Cos’è il Califfato? Chi sponsorizza il gruppo terroristico più temuto al mondo, l’ISIS (Daesh)? Chi è veramente interessato a protrarre il conflitto in Siria e Iraq? Per avere la risposta a questa ed a tante altre domande che saranno introdotte ulteriormente, bisogna tornare nel passato, alle origini del concetto di Jihad e agli ideologi dei movimenti fondamentalisti islamici.

Stato Islamico dell’Iraq e della Siria (Daesh)

Storia – ad-Dawla al-Islāmiyya fī al-ʿIrāq wa l-Shām (tradotto in italiano come Stato Islamico dell’Iraq e della Siria) acronimo in arabo داعش, ovvero Dāʿish o Daesh.
Le radici del Caleffato risalgono al 2003, anno d’inizio dell’operazione statunitese contro il regime di Saddam Hussein (ex presidente iracheno impiccato a Baghdad il 30 dicembre 2006). In quel periodo le fazioni dei jihadisti afgani, pakistani, iracheni, etc. combattevano contro gli americani sotto la bandiera dell’al-Qaeda, gruppo terrorista, fondato da Osama Bin Laden e finanziato dalla CIA, che organizzò l’esplosione dell’ambasciata americana in Kenya nel 1998, del parcheggio di WTC (World Trade Center) nel 1999 e infine gli attacchi contro le stesse torri gemelle del WTC l’11 settembre 2001.

Rapporti con Al’Qaeda ed altri gruppi fondamentalisti

World Trade Center - 11 settembre 2001
World Trade Center – 11 settembre 2001

Nel 2004 Abu Mus’ab al-Zarqawi decise di fondare il suo gruppo jihadista, ancora legato all’Al-Qaeda di Bin Laden, e di chiamarlo prima al-Jamāʿat al-Tawḥīd wa l-Jihād (Gruppo per l’Unicità [di Dio] e il Jihād) e ulteriormente Stato Islamico dell’Iraq, il nome che l’organizzazione mantiene fino il 2012 quando il nuovo leader dello Stato Islamico dell’Iraq, Abu Bakr al-Baghdadi, decise di intervenire nella guerra civile siriana con lo scopo di eliminare Bashar al-Assad (presidente siriano) e costituire il Caleffato Islamico, da qui il gruppo aggiunge la seconda parte del suo nome, ossia Levante e/o Sham (Siria – in arabo), e quindi viene fondato lo Stato Islamico dell’Iraq e del Levante (Daesh). Dopo l’espansione del controllo dell’ISIS in Iraq e Siria e la conquista della città irachena di Mosul (1 milione d’abitanti), Abu Bakr al-Baghdadi proclamò, il 29 giugno 2014 nella moschea di al-Nuri a Mosul, la nascita del Califfato Islamico.

Il grande scisma – La proff.sa Biancani introduce la figura dell’al-Qaeda, organizzazione dalla quale risalgono le radici dello Stato Islamico, dato anche il fatto che fino il 3 febbraio 2014, l’organizzazione terrorista di Abu Bakr si chiamava Al-Qaeda in Iraq. Lo scisma è avvenuto dopo il conflitto tra i leader dell’attuale ISIS con i capi dell’Al-Qaeda, gli ultimi a considerare i metodi usati dai militanti di Abu Bakr eccessivamente violenti, mentre i primi sostenevano che la vera lotta contro gli ”infedeli” non poteva essere altro che sterminio totale attraverso l’uso della violenza e del terrore. Un altro motivo importante di questo contrasto tra le fazioni militanti fu sicuramente la disobedienza di Abu Bakr al-Baghdadi e del suo gruppo di militanti i quali, a partire dal 2013, non obbedivano più agli ordini del nuovo leader dell’al-Qaeda, Ayman al-Zawahiri (successore di Bin Laden dopo la morte di quest’ultimo nel 2011 in Pakistan). All’inizio degli scontri militari in Siria contro il presidente Bashar al-Asad, al-Baghdadi decise di mandare i suoi soldati, maestri della guerriglia, per formare all’interno del paese una nuova organizzazione terrorista che subito conquista l’autorità sull’intero territorio siriano. Il nuovo gruppo guidato da Abū Muḥammad al-Jawlānī dichiara il 23 gennaio 2012 la sua formazione come Jabhat al-Nuṣra li-Ahl al-Shām, conosciuto anche come Fronte al-Nusra, che dopo qualche settimana viene sostenuta de facto dall’opposizione siriana e fino il 2014 chiamata dagli Stati Uniti opposizione moderata insieme all’Esercito Libero Siriano (Free Syrian Army-FSA), che a sua volta è considerata una formazione terrorista. Nell’aprile del 2013 al-Baghdadi dichiara la formazione del Fronte al-Nusra, finanziato e sostenuto dallo Stato Islamico dell’Iraq, sottolineando che i due gruppi stavano coalizzando in un unico gruppo chiamato “Stato Islamico dell’Iraq e Al-Sham”. Al-Jawani, leader del Fronte al-Nusra pubblicò una dichiarazione in cui negò la fusione dei due gruppi. Nell’ottobre del 2013 al-Qaeda ordinò lo scioglimento dell’ISIS, dando al Fronte al-Nusra il compito di portare avanti il jihād in Siria, ma al-Baghdadi contestò la decisione. Nel febbraio del 2014 al-Qaeda rinnegò qualsiasi relazione con l’ISIS e da qui che le strade dello Stato Islamico e dei loro ex fratelli di al-Qaeda si divisero per sempre, oggi presentandosi come guerra non solo tra ISIS e l’esercito siriano ma anche tra gli ex alleati  ISIS, al-Nusra e la Free Syrian Army.

Vita sociale

Burocrazia – Attraverso una serie di hacker attack sui server in Siria ed Iraq, iniziamo ad avere alcuni documenti significativi sul funzionamento e la burocrazia istaurati dal Califfo Abu Bakr al Baghdadi ed i suoi seguaci (secondo i dati dell’Intelligence americana, più di 150 mila jihadisti) sui territori da loro controllati. La terra conquistata dagli islamisti si estende su un’area paragonabile al Regno Unito con una popolazione di oltre 10 milioni di abitanti; il cosidetto Califfato Islamico ha dichiarato ar-Raqqa, la piccola città con poco più di 200 mila abitanti, la capitale del Daesh.

Documenti ufficiali dello Statico Islamico dell’Iraq e della Siria

Frontiere e dimensioni dello Stato Islamico dell'Iraq e della Siria.
Frontiere e dimensioni dello Stato Islamico dell’Iraq e della Siria.

Zone d’influenza – Fondamentale per il Daesh è l’occupazione dei ”capillari” logistici che rendono il Califfato capace ad esistere dal punto di vista civile (prodotti agricoli, acqua, energia elettrica) e militare (armi, macchine). Dall’immagine riportata sotto riusciamo a capire come l’ISIS controlla le principali vie di comunicazione in Siria; 2/3 delle strade e autostrade che collegano Siria con Iraq, Turchia e Giordania sono nelle mani dei jihadisti di al-Baghdadi. La buona parte dell’est e nord-est della Siria sono ancora in mano del governo di Damasco, oppure controllate dall’opposizione siriana, dall’Esercito Libero Siriano (Free Syrian Army-FSA), dai ribelli del Fronte al-Nusra o altri militanti anti Assad. Molto importante è sottolineare la presenza dei peshmerga (esercito dei curdi) i quali si sono affermati come una forza importante del conflitto, soprattutto i peshmerga si sono fatti sentire nel gennaio 2015 durante la ribellione e la seguente conquistà della città siriana di Kobane, al confine con la Turchia, dopo l’occupazione da parte dei jihadisti dell’ISIS un anno prima.

Detailed map of Syria ; courtesy of businessinsider.com
Detailed map of Syria ; courtesy of businessinsider.com

Attentati nel mondo

Sconfitte e reazioni – Dopo una lunga serie di sconfitte come quella di Kobane, l’intervento dell’aviazione militare russa nel conflitto, l’offensiva dell’esercito iracheno e delle milizie sciite sul fronte in Iraq, il Daesh ha iniziato la sua controffensiva con diversi attachi terroristi tra cui i più grandi quelli di Parigi il 13 novembre 2015 (e 7 gennaio 2015 – Charlie Hebdo) e l’attentato sull’aereo russo caduto nella Penisola del Sinai (Egitto) il 31 ottobre dello stesso anno. Questi 2 attacchi hanno provocato più di 400 morti in un arco di solo 1 mese e hanno rilanciato le discussioni su un possibile intervento militare terrestre guidato da una coalizzione internazionale con l’accordo ed il mandato dell’ONU. Non possiamo dimenticare anche gli altri episodi di violenza nel mondo a causa dei terroristi dello Stato Islamico dell’Iraq e della Siria (Daesh). Tra i più noti attentati dell’ISIS e delle organizzazioni ad esso affiliate sottolineamo:
1. Baga, Nigeria, 7 gennaio. 150 morti (Boko Haram)
2. Sinai, Egitto, 31 ottobre. 224 morti (ISIS)
3. Garissa, Kenya, 1 aprile. 147 morti (Al Shabaab)
4. Kobane, Siria, 25 giugno. 146 morti (ISIS)
5. Maiduguri, Nigeria, 20 settembre. 145 morti (Boko Haram)
6. Sana’a, Yemen, 20 marzo. 137 morti (ISIS)
7. Parigi, Francia, 13 novembre. 130 morti (ISIS)

Terror attacks in 2015 with more than 50 killed people; courtesy of washingtonpost.com
Terror attacks in 2015 with more than 50 killed people; courtesy of washingtonpost.com

Tangenze – Tutti questi attacchi hanno avuto un solo obiettivo, la ressurezzione del jihad, che verso la fine del settembre del 2015 divenne necessario a causa delle sconfitte militari dell’ISIS e la diminuzione del numero dei jihadisti arruolati nel cosiddetto esercito del Califfato Islamico. La strage di Parigi non era un attacco spontaneo, bensì un piano ben ellaborato, avvendo come punta i kamikaze dell’islam residenti in Europa (prevalentemente in Germania, Francia, Belgio e Gran Bretagna), allimentata e finanziata dagli ideologi in Siria.

Ideato in Siria, pianificato in Belgio, eseguito in Francia. Il modello usato dagli jihadisti il 13 novembre, rischia di essere riprodotto anche in altri parti d’Europa – la reazione del quotidiano Corriere della Sera un giorno dopo la strage di Parigi.

La mente degli attentati che hanno portato a 140 morti e più di 200 feriti era Abdelhamid Abaaoud, uno dei più ”famosi” jihadisti di al-Baghdadi sui social network, ucciso il 18 novembre in Francia dopo un’operazione speciale delle forze antiterrorismo francesi. Abaaoud, ventottenne belga di origine marocchina, i cui genitori sono emigrati in Belgio nel 1975 trovò la ”pace” e la fonte delle sue aspirazioni e dei suoi ideali jihadisti in Siria e soprattutto nelle parole di al-Baghdadi. La giustizia meritata del mondo islamico contro gli infedeli di tutto il mondo, predicata dal Califfo di ar-Raqqa ha affascinato il giovane marocchino portandolo alla morte desiderata da Abaaoud come martirio dell’islam.

This undated image made available in the Islamic State's English-language magazine Dabiq, shows Belgian national Abdelhamid Abaaoud. Abaaoud, the child of Moroccan immigrants who grew up in the Belgian capital’s Molenbeek-Saint-Jean neighborhood, was identified by French authorities on Monday Nov. 16, 2015, as the presumed mastermind of the terror attacks last Friday in Paris that killed over a hundred people and injured hundreds more. (Militant Photo via AP)
Abdelhamid Abaaoud; courtesy of AP-Associated Press

Com’è riuscito l’ISIL a svilupparsi dai livelli di uno start-up discreto del deserto iracheno nell’organizzazione terrorista più ricca del mondo?

Finanza del Califfato – Oggi siamo quasi sicuri sulle fonti di guadagno del Daesh tra cui la vendita del petrolio iracheno e siriano nei porti della Turchia, rapine (come il caso delle ragazze italiane Greta e Vanessa nel 2014), vendita di antiquariato rubato dai siti archeologici in Siria ed Iraq e sicuramente la parte più delicata, le sponsorizzazioni esterne da parte dei musulmani sunniti di tutto il mondo (prevalentemente dagli USA, Arabia Saudita, Qatar e Bahrain).

il Petrolio della morte– Nel suo articolo per il Corriere della Sera del 15 dicembre, Guido Olimpio descrive la relazione dell’ISIS con la Turchia ed il governo siriano condotto da Bashar al-Assad.

”Erdogan è stato accusato anche dagli occidentali di far poco per fermare il flusso di jihadisti e di aver mostrato tolleranza verso il Califfo. La storia dei traffici di petrolio tra Isis e turchi è solo un tassello. Da tempo si conoscono certe vie del greggio e alcune arrivano proprio in Turchia. Non è una novità. È un affare che coinvolge dai singoli villaggi a organizzazioni strutturate. Il punto è che nella regione e nei paesi confinanti sono molti coloro che fanno soldi con questo contrabbando. Ed è provato che anche il regime di Assad, attraverso intermediari, mantiene rapporti con lo Stato Islamico: i lealisti acquistano gas, petrolio, energia elettrica.” – Guido Olimpio, Corriere della Sera, 15 dicembre 2015.

Russia’s airstrikes destroy a huge group of Daesh oil tanker trucks in Syria. sptnkne.ws/auan #OilSmuggling

Jihad ed implicazioni globali

Soldati del Califfato – Ci sono molti articoli e grafici sull’implicazione degli stranieri nel conflitto in Siria ed Iraq, comunque sia gli stati esportatori dei cosiddetti ”soldati” per l’esercito dell’ISIL sono sicuramente i paesi del Magreb ed alcuni paesi europei tra cui Francia, Inghilterra e Belgio come stati ”capofila”.

Soldati stranieri del Califfato; courtesy of FATF - Financial Action Task Force
Soldati stranieri del Califfato; courtesy of FATF – Financial Action Task Force

Le monarchie del golfo persico tra cui Bahrain, UAE, Qatar, Kuwait e l’Arabia Saudita offrono scarse informazioni sui loro cittadini partiti per combattere nel nome di Daesh.

Implicazioni globali – Il paese che ha un timore particolare verso i suoi cittadini, ormai fedeli al Daesh, è sicuramente la Russia, nella quale durante gli anni ’90 del secolo scorso e agli inizi del 2000 vc furono guerre ed ulteriori azioni di guerriglia tra l’esercito federale russo ed i separatisti del Caucaso del Nord che oggi si sono trasferiti a combattere per l’ISIS. La paura di Mosca è infatti il ritorno di queste persone, militarmente preparate, in Russia e la destabilizzazione dell’ordine pubblico. Il leader dei ceceni in Russia, Dokka Umarov ha dichiarato nel 2006 la nascita dell’Emirato del Caucaso, un’entità territoriale indipendente dal governo russo. Nella stessa dichiarazione, Umarov descriveva gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e l’Israele come nemici dei musulmani. Dopo l’eliminazione dei leader separatisti ceceni, Vladimir Putin, il presidente attuale – ma anche di allora (aggiunge la prof.ssa Biancani) – della Russia cominciò ad imporre politiche di riconciliazione della nazione e la ”pulizia” dello stato dalla minaccia islamica ed ”occidentale”. Una volta scoppiata la guerra in Siria, alla quale l’occidente e gli Stati Uniti in particolare hanno offerto spazio di manovra, in seguito alla primavera arabale basi militari della Russia Latakia, Jableh e Tartus si sono trovati in pericolo, e con esse anche l’influenza russa in tutta la zona mediorientale.

Basi militari russe; courtesy of limesonline.com
Basi militari russe; courtesy of limesonline.com

La reazione di Putin fu una prevedibile, l’esercito aero-spaziale russo è entrato a far parte del conflitto in Siria per conservare la sua presenza nell’area del Mediterraneo e Mediorientale, Siria essendo il fortpost degli interessi di Mosca nel medio e vicino oriente. I bombardamenti degli aerei russi però, non danneggiarono in modo significativo l’infrastruttura dell’ISIS, bensì quella degli oppositori di Assad, tra cui il Fronte al-Nusra, la FSA (Free Syrian Army), i turkmeni (appoggiati da Ankara) ed altri soggetti implicati nel conflitto nemici dichiarati del Presidente siriano al-Assad. La comunità internazionale sta criticando Mosca per i bombardamenti di tutti tranne l’ISIS, mentre il governo russo sta accusando l’occidente, ricordando all’Europa ed agli Stati Uniti il finanziamento ed il sostegno all’inizio delle fazioni ribelle tra cui anche il suddetto Daesh ed il Fronte al-Nusra (al-Qaeda in Siria). L’unico soggetto comune che sia i russi sia l’occidente sono pronti ad aiutare sono i peshmerga, l’esercito dei curdi che combatte contro i jihadisti da ben più di 5 anni, fi ora gli unici a poter guadagnare importante vittorie sul campo contro l’ISIS.

Contrasti della realtà – Le tensioni internazionali sono aumentate dopo l’abbattimento dell’aereo russo di tipo Sukhoi 24 da parte dei F16 dell’esercito turco.

”Turchia abbatte caccia russo al confine con la Siria. Putin: “Pugnalata alla schiena”. Obama: “Ankara ha diritto a difendersi” – il titolo del qyotidiano ”la Repubblica” il 24 novembre 2015 – Il caccia Sukhoi-24 colpito perché sarebbe entrato nello spazio aereo turco e non avrebbe risposto agli avvertimenti degli F-16 di Ankara. I piloti si sono lanciati con i paracadute, i ribelli ne rivendicano l’uccisione. Mosca: “Uccisi un pilota e un soldato della missione di soccorso”. Consiglio straordinario Nato: “No a escalation”. Lavrov annulla visita a Istanbul.

Fedeltà oltre i confini – L’ISIS non potrebbe essere considerato una vera è propria organizzazione terrorista al livello mondiale senza alleati e fedeli oltre i confini della Siria e dell’Iraq, territori in cui lo Stato Islamico è riuscito a istaurare la sua autorità e mantenerla fin oggi. Seguendo l’esempio dell’al-Qaeda, Daesh ha conquistato con la sua ideologia ed i suoi metodi della jihad le fazioni dei fondamentalisti islamici in tutto il mondo, soprattutto nei paesi con scarsa educazione ed ancora più peggiore situazione economica. Gli stati nei quali la presenza dell’ISIS è certa, a parte Siria ed Iraq, sono: Yemen, Somalia, Nigeria, Libia, Egitto, Algeria, Mali e Afganistan. La cartina presentata di sotto indica il numero dei jihadisti stranieri, i paesi dai quali provengono gli estremisti e gli stati dove il Califfato ha almeno un’organizzazione che gli ha giurato fedeltà e subordinazione.

Stati dove esiste almeno un'organizzazione che ha giurato fedeltà al Califfo Abu Bakr al-Baghadi; courtesy of Corriere della Sera
Stati dove esiste almeno un’organizzazione che ha giurato fedeltà al Califfo Abu Bakr al-Baghadi; courtesy of Corriere della Sera

Le fazioni dell’ISIS all’estero sono molto attive ed in continua espansione, fatto alimentato soprattutto dal vacuum di legge creato dopo la primavera araba del 2010-2011 negli stati del Magreb e del Golfo Persico. Boko Haram in Nigeria, i talebani afgani convertiti nei jihadisti del Califfo al-Baghdadi, le tribù unite sotto il drapello dell’Ansar al-Dawla nello Yemen ed il ”famoso” Al-Shabab in Somalia sono solo alcuni dei grupi terroristici che hanno giurato fedeltà al ”sovrano” di ar-Raqqa (capitale dell’ISIS) e che continuano a terrorizzare la popolazione civile nei loro paesi per il ”bene” del futuro Caleffato.

Il video di sotto è un documentario realizzato dalla pubblicazione americana Vice News. Il documentario presenta la vita del Caleffato e dei suoi mujahideen, in particolare immagini sul fronte dell’ISIS e quelle della città di ar-Raqqa, capitale di uno stato inesistente ma temuto da tutto il mondo.

L’islam è la soluzione !

Per capire l’ideologia del fondamentalismo islamico bisogna innanzitutto risalire alle fonti ed agli ideologi del jihad.

Propaganda – Daesh, come al-Qaeda e gli altri gruppi terroristici, si basa fondamentalmente sugli ideali esposti ancora prima, negli anni ’60 de secolo scorso, dall’ideologo dei Fratelli Musulmani in Egitto, Sayyid Qutb. I 2punti cardinali del jihad, secondo Qutb sono:
1) Autenticità dell’islam, il Salafismo – la parte del mondo islamico che segue le regole della Sharia (Legge di Dio) ed interpreta i testi sacri (Corano e sunna), applicandoli nella vita quotidiana. I salafiti si basano sulla legge in vigore all’epoca del profeta Maometto. In sè, la parola salafismo rappresenta un movimento riformista islamico sorto in Egitto verso la metà dell’Ottocento che postulava la rivivificazione dell’Islam attraverso il ritorno alle fonti originarie (Corano e sunna del profeta), tramite uno sforzo interpretativo (īǧtihād) per adattare le norme coraniche alla vita moderna.
2) Utopia – La giustizia musulmana ”rubata” dagli interventisti occidentali, che per molto tempo hanno cercato di imporre le regole ed i costumi loro ai figli del Corano, daneggiando in questo modo la cultura ed il ”passato glorioso” dell’islam, risalendo sempre ai tempi del primo Califfato Islamico sotto Abu Bakr. L’utopia musulmana, quindi, deve essere rappresentata attraverso la gloriosa vittoria della parola di Allah sugli infedeli e la creazione del mondo totalmente subordinato alla sharia ed al Califfo, motivo per il quale il jihad (la guerra santa dei musulmani) deve essere portato avanti fino al compimento di queste rivendicazioni e all’instaurazione del Califfato Mondiale.

Storia del jihad

Fratelli Musulmani
Fratelli Musulmani; courtesy of wikipedia.org

Fratelli Musulmani – Negli anni ’20 del XX sec. in Egitto nasce il partito nazionalista di centro-destra chiamato Fratelli Musulmani (in arabo: جماعة الإخوان المسلمين‎, Jamaʿat al-Iḫwān al-muslimīn, letteralmente Associazione dei Fratelli Musulmani). Nato come movimento di protesta contro l’imperialismo della Gran Bretagna ed il suo controllo sul canale di Suez, il nuovo partito politico riteneva che la famiglia reale egiziana fu complice del governo iglese, in questo modo facendo dall’Egitto un semplice vassallo della corona britannica. In seguito alla creazione dello stato d’Israele il 14 maggio del 1948, l’Egitto insieme alla Siria, Transgiordania (Giordania + Palestina), Iraq e Libano, dichiarò il 15 maggio 1948 la guerra alla nuova entità territoriale creata dagli ebrei con l’appoggio dell’ONU. L’azione militare finì con una catastrofe per i paesi arabi; l’Israele riuscì a opporsi agli attacchi e mettere in fuga gli eserciti stranieri. Questa sconfitta viene addebitata al re Faruq I d’Egitto che fu acusato di incompetenza. Tutti questi aspetti negativi della politica estera insieme al livello economico scarso dell’Egitto e alla mancanza di fiducia nel governo hanno provocato, il 23 luglio del 1952, una rivoluzione militare, il cosìdetto colpo di stato degli Ufficiali Liberi, condotta dal colonnello Gamal Abd el-Nasser al quale ulteriormente si aggiunge il generale d’esercito Muhammad Naguib. La seguente abdicazione del re Faruq I portò l’Egitto alla creazione della prima reppublica ”progressiva”, sostituendo in questo modo la monarchia costituzionale. I nuovi governanti non riuscirono a dividere il potere e dopo soli 2 anni di governo del generale Naguib al potere giunge il colonello Gamal Abd el-Nasser. L’ultimo entrò in contatto con il governo inglese per imporre lo sgombero entro 20 mesi delle forze militari britanniche in Egitto mantenendo però la presenza dei tecnici inglesi nelle zone del canale di Suez. Questa decisione viene criticata dai Fratelli Musulmani e di seguito essi tentato, il 26 ottobre 1954, un attentato contro el-Nasser. Due giorni dopo l’organizzazione fu sciolta d’autorità; il 30 ottobre al-Hudaybī ed i maggiori dirigenti della Fratellanza furono arrestati. Dopo morte di Nasser nel settembre del 1970, al potere in Egitto sale Anwar al-Sadat, egli liberò tutti i condannati politici nell’epoca dell’ex presidente e concede significative libertà e quindi spazio di manovra alle organizzazioni incarcerate negli anni precedenti. Tra i detenuti liberati da Sadat vi fu anche l’ideologo principale dei Fratelli Musulmani, Sayyid Qutb, il quale sviluppò, durante la sua detenzione in galera, il concetto del potere conquistato attraverso il jihad. Qutb sosteneva che il jihad è obbligatorio per l’istaurazione del potere musulmano e l’introduzione della sharia. Secondo Qutb, il Dar al-Islam (mondo musulmano) è tornato ai tempi della jahiria – età dell’ignoranza, periodo storico nel quale le tribù pagane abbiano vissuto prima del profeta Maometto. Qutb dichiara che di ogni musulmano ha l’obbligo di combattere contro l’ingiustizia che sopprime il mondo islamico e quindi l’obbligo di rovesciare i governi che hanno permesso il restauro della jahiria.

Fine del panarabismo – L’insuccesso economico degli stati laici del mondo islamico come Siria, Iraq, Libia e Tunisia ha sottolineato l’incapacità degli ideali occidentali e del modello capitalista nei paesi in cui l’unica legge per secoli era e continua essere il Corano. Nonostante l’introduzione delle ideologie comuniste e/o capitaliste nel mondo musulmano, l’islam è riuscito a conservare le radici e l’autenticità del radicalismo regionale. L’unica soluzione per la sopravvivenza e la conservazione degli usi e dei costumi, quindi, per i paesi del mondo musulmano era la radicalizzazione sociale, economica ed ideologica.

Necessità di nemici – La caduta dei regimi comunisti nei paesi dell’URSS e del blocco di Varsavia e l’ulteriore conclusione della guerra fredda hanno costretto l’occidente e, soprattutto il paese capofila, gli Stati Uniti, a trovare un nuovo nemico, in questo senso la decadenza dell’utopia panaraba e la fine della Guerra Fredda hanno creato nell’islam la causa di tutti i mali possibili del mondo, dando così spazio di manovra agli USA per un intervento nel mondo musulmano come l’antagonista principale.

”La conflittualità è universale. Odiare è umano. Per potersi definire e per trovare le opportune motivazioni, l’uomo ha bisogno di nemici: concorrenti in affari, avversari in qualsiasi tipo di competizione, rivali in politica. Egli diffida istintivamente e considera un pericolo quanti sono diversi da lui e possono in qualche modo danneggiarlo. La risoluzione di un conflitto e la scomparsa di un nemico scatenano forze individuali, sociali e politiche che portano alla nascita di nuovi conflitti e nemici. <<La tendenza al ”noi” contro ”loro”>>, ha osservato Ali Mazrui, <<in campo politico, è pressoché universale>>. Nel mondo contemporaneo, ”loro” significa sempre più spesso popoli di diversa civiltà. La fine della Guerra fredda non ha posto fine alla conflittualità, ma ha piuttosto fatto emergere nuove identità radicate nella cultura e nuvoi canoni di conflittualità tra gruppi di culture diverse, a livello più generale, di civiltà diverse.” – Lo scontro delle civiltà e il nuovo ordine mondiale di Samuel P. Huntington, pagina 184, Editore: Garzanti, Undicesima ristampa dell’aprile 2015.

Dopo 2 ore di spiegazioni, la prof.ssa Biancani invita gli studenti presenti a porre le loro domande:

  1. S. – Visto che lei si riferiva ai diversi soggetti del conflitto, quale, secondo lei, è il ruolo dei curdi nella guerra siriana e quali sono gli interessi dei diversi stati che partecipano nella guerra in Siria?
    Prof.ssa Biancani
    – Grazie per la domanda. I curdi sono gli unici attori del conflitto riusciti ad avere delle vittorie importanti contro il Daesh. I curdi combattono non solo contro l’ISIL, come abbiamo detto prima sulla città di Kobane (Siria), ma anche contro l’Al-Qaeda in Siria rappresentata da Djabhat al-Nusra (Fronte al-Nusra) alla quale si aggiungono i ribelli della Free Syrian Army. Nello stesso tempo i curdi continuano la loro guerriglia contro il governo di Ankara, il quale tacitamente, offre sostegno all’ISIS ed alle altre organizzazioni terroristiche. Bisogna ricordarsi anche della questione del Kurdistan che è molto importante. Secondo me, la creazione di uno stato dei curdi era esenziale dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale. Rispondendo alla seconda domanda sugli interessi dei diversi stati, effettivamente tutti gli attori immersi nel conflitto hanno visioni contrastanti. Basta guardare l’esempio della Russia che bombarda tutti tranne l’ISIS. Penso che nel futuro vicino si cercherà la normalizzazione dei rapporti con lo Stato Islamico.
  2. S. – Esiste un contro esempio di stato musulmano ”moderato” che potrebbe servire come esempio di pace per i paesi che sostengono il jihad?
    Proff.ssa Biancani
    – Grazie per la domanda. L’islam moderato e la radicalizzazione. Di fatto, anche lo stesso qualificativo di ”islam moderato” mi fa sorridere sinceramente. Sicuramente abbiamo degli esempi di stati che sono riusciti a normalizzare la situazione politica e non hanno permesso la radicalizzazione della società. I leader pakistani subito dopo l’indipendenza del Pakistan dall’India hanno lavorato sulla re-islamizzazione del paese, però in un formato chiamiamolo ”moderato”. Un altro esempio potrebbe essere la Tunisia che ha adottato una politica di discussione e conciliazione tra tutte le etnie e religioni del paese, dando vita ad uno stato laico. Dall’altro lato, se dovessimo vivere la nascità dell’Arabia Saudita negli anno ’20 del secolo scorso, non ci saremmo riusciti trovare diferenze tra l’ISIS di oggi e il paese saudita dell’epoca, ma anche oggi, l’Arabia Saudita è uno dei pochi paesi in cui la Sharia è la base delle normi giuridiche.
  3. S. – In quale modo il nostro (occidentale) stile di vita, la nostra economia e la nostra società creano le guerre? Come i paesi tipo l’Inghilterra e la Francia vendono gli armi nell’oriente ai paesi come Qatar e Arabia Saudita e nello stesso si offrono a mediare i conflitti nel medioriente?
    Proff.ssa Biancani
    – Grazie per la domanda. Riflettendo sulla tua domanda penso che dentro c’è già la risposta. Il fallimento dei valori occidentali è evidente. L’occidente non è visto come un protagonista attivo e benefico nel mondo, ma come un attore che è solo in cerca di guadagno, ed è questo il fatto per cui l’oriente odia il mondo occidentale.
  4. S. – Ci potrebbe indicare alcuni siti, film sulla guerra in Siria? I media non ci raccontano tutta la verità delle atrocità che succedono ogni giorno in quella parte del mono?
    Proff.ssa Biancani – Sicuramente. Il film che lo consiglierei di guardare è ”Point and Shoot”, è un film americano sui valori occidentali che ha come protagonista un ragazzo americano, appassionato di videogiochi che parte in giro per il mondo e si ferma in Libia durante la rivoluzione anti Gaddafi.
    I siti che li potreste accedere per essere aggiornati meglio sul conflitto in Siria sono: www.syriauntold.com , www.syriadeeply.org e www.raqqa-sl.com .

Ore 23:30, finisce l’incontro.

Bolgona non mi voleva lasciare in quella serata, dopo un’ora nel McDonald’s davanti la Stazione, sono dovuto aspettare un’altra ora per il famoso ritardo del TrenItalia. Ma sinceramente non mi è dispiaciuto, anzi, sono riuscito a stare un po’ da solo, finalmente con me stesso a riflettere sulle parole della prof.ssa Biancani e sul conflitto in Siria, sulle vittime e sull’inutilità della guerra, sulla morte e sulla vita…


La violenza nasce violenza e nient’altro !

L’umanità deve porre fine alla guerra, o la guerra porrà fine all’umanità.
(John Fitzgerald Kennedy, Discorso all’ONU, 1961)

La guerra non è che la continuazione della politica con altri mezzi.
(Karl von Clausewitz – ”Guerra”)

Ankara 2015, un G20 care discută viitorul planetei

Astăzi, 14 noiembrie 2015, a început prima zi a Summit-ului G20, instituție internațională care reunește liderii a 20 cele mai dezvoltate țări.

În acest an Summit-ul își propune să discute problemele actuale de pe agenda internațională precum: terorismul, sărăcia, schimbările climatice și ieșirea din recesiunea mondială.

Ankara găzduiește acest eveniment mondial fiind succesoarea Brisbane-ului, care a găzduit Summit-ul G20 din 2014, și în același timp predecesoare a Chinei care va prezida acest eveniment anul viitor.

Amintesc că la acest eveniment participă liderii a 20 de state considerate cele mai dezvoltate din punct de vedere economic și politic.

La Summit-ul din acest an nu participă liderul francez Francois Hollande, care a decis să rămână în țară în urma atentatelor ce s-au produs vineri seara la Paris, încredințând reprezentarea Franței ministrului de externe Laurent Fabius și celui de finanțe Michel Sapin.

Imagini Live de la eveniment transmise de către postul rus Russia Today (RuptlyTV).

Aici găsiți lista țărilor și liderilor care participă la întrunire:
1. Argentina – Hector Timerman (Ministrul de Externe)
2. Australia – Malcolm Turnbull (Prim-ministru)
3. Brazilia – Dilma Rousseff (Președinte)
4. Canada – Justin Trudeau (Prim-ministru)
5. China – Xi Jinping (Președinte)
6. Franța – Michel Sapin (Ministrul Finanțelor) și Laurent Fabius (Ministrul Afacerilor Externe și dezvoltării Internaționale)
7. Germania – Angela Merkel (Cancelar)
8. India – Narendra Modi (Prim-ministru)
9. Indonesia – Joko Widodo (Președinte)
10. Italia – Matteo Renzi (Prim-ministru)
11. Japonia – Shinzo Abe (Prim-ministru)
12. Mexic – Enrique Pena Nieto (Președinte)
13. Rusia – Vladimir Putin (Președinte)
14. Arabia Saudită – Salman bin Abdulaziz al Saud (Rege)
15. Republica Sud Africană – Jacob Zuma (Președinte)
16. Republica Korea – Park Geun-hye (Președinte)
17. Turcia (gazda evenimentului) – Recep Tayyip Erdogan (Președinte)
18. Regatul Unit al Marii Britanii – David Cameron (Prim-ministru)
19. SUA – Barack Obama (Președinte)
20. Uniunea Europeană – Donald Tusk (Președintele Consiliului Europei) și Jean Claude Juncker (Președintele Comisiei Europei)

din această listă mai fac parte și 6 invitați speciali non membri ai G20, aceștia sunt:
1. Spania – Mariano Rajoy (Prim-ministru)
2. Azerbaijan – Ilham Aliyev (Președinte)
3. Malaysia – Najib Tun Razak (Prim-ministru)
4. Senegal – Macky Sall (Președinte)
5. Singapore – Lee Hsien Loong (Prim-ministru)
6. Zimbabwe (reprezentant al Uniunii Africane) – Robert Mugabe (Președinte)

Putin-Obama discussion © İHA Photo
Putin-Obama discussion © İHA Photo

Site-ul rus ria.ru relatează că Președintele rus Vladimir Putin și omologul său american Barack Obama au discutat între 4 ochi înaintea începerii oficiale a Summit-ului, aceștia au fost acompaniați doar de traducătorii personali, iar discuțiile care le-au avut rămân până la moment o enigmă pentru toți.

Mai jos o galerie de info grafice care prezintă în cifre țările G20 și forța acestora.

Parisul sub atac

În acestă seară în capitala Franței Paris, în jurul orei 21:58 (CET, ora Franței) au avut loc mai multe focuri  de armă în zona 11 a orașului (Voltaire Bd.) și o explozie în zona stadionului ”Stade de France” care găzduia meciu Franța-Germania.

Locul unde a avut loc atacul - Google Maps
Locul unde a avut loc atacul – Google Maps

Primele informații de la fața locului anunță 2 indivizi care au deschis focul de armă într-o cafenea de pe strada ”rue de Charonne” relatează jurnalistul televiziunii France2TV – Vincent Bertezene pe accountul său Twitter.

Potrivit portalului francez iTELE, președintele țării Francois Hollande a fost evacuat de urgență de pe stadionul ce găzuia meciul dintre naționala Franței și Germania.

Jurnalistul France2TV declară că atacatorii au tras focurile de armă dintr-o mașină în mod haotic.

Persoanele din restaurant s-au adăpostit în interiorul localului pentru a se proteja de posibilele atacuri repetate.
Persoanele din restaurant s-au adăpostit în interiorul localului pentru a se proteja de posibilele atacuri repetate.

Potrivit postului englez BBC cel puțin 10 oameni zac pe pământ presupunând moartea lor sau rănile grave care le-ar fi putut suferi aceste persoane în urma atacurilor.

La fața locului s-au mobilizat poliția și brigăzile de ambulanță.

Video filmat de către martorii oculari lângă Stade de France după explozie.

Premierul englez David Cameron și-a exprimat regretul în legătură cu cele petrecute la Paris și a anunțat că este gata să ajute Franța cu orice va fi nevoie.

Între timp postul francez Six Plus a prezentat o hartă exactă cu locurile unde s-au produs atentatele.

Potrivit site-ului francez de știri Liberation, în incinta saleiBataclan s-ar afla o persoană cu explozibil. La fața locului sunt prezenți jurnaliști și echipele de intervenție a poliției:
Selon l’un de nos journalistes, qui cite un policier sur place, l’homme à l’intérieur du Bataclan aurait des explosifs.

Imagini de pe Stade de France în aceste clipe.

Un jurnalist de la postul de televiziune Europe 1 prezent în sala Bataclan afirmă că atacatorii au intrat în mijlocul concertului și au deschis focul, neavând măști pe față. Atacatorii au fost tineri și nu și-au ascuns identitatea. Atacul a durat mai bine de 10-15 minute, relatează Liberation.:

Un journaliste d’Europe 1 se trouvait à l’intérieur du Bataclan, où avait lieu un concert, quand ont éclaté les coups de feu. «Plusieurs individus armés sont rentrés en plein concert, raconte-t-il. Deux ou trois individus non masqués sont rentrés avec des armes automatiques de type kalachnikov et ont commencé à tirer à l’aveugle sur la foule.» Julien Pearce estime que «ça a duré une dizaine, une quinzaine de minutes. Ça a été extrêmement violent et il y a eu un vent de panique. Les assaillants ont eu tout le temps de recharger à au moins trois reprises. Ils n’étaient pas masqués, maîtres d’eux-mêmes. Ils étaient très jeunes.»

Agenția Reuters afirmă că au fost luați peste 100 de ostatici în sala Bataclan.

Între timp jurnaliștii transmit LIVE de la fața locului.

Președintele francez, Francois Hollande s-a adresat națiunii.
«Des attaques terroristes d’une ampleur sans précédent sont en cours. Il y a une plusieurs dizaines de tués, il y a beaucoup de blessés, c’est une horreur. Nous avons sur ma décision mobilisé toutes les forces possibles pour qu’l y avoir la neutralisation des terroistes et la mise en sécurité de otus les quartiers concernés. j’ai également demandé des renforts militaires. J’ai également convoqué le concseil des ministeres. Deux décisions ;: l’état d’urgence sera décrété, ce qui veut dire que plusieurs lieux seront fermés, la circulation sera interdite. L’état d’urgence sera décidé sur l’ensemble du territoire. la deuxième décision que j’ai prise, c’est la fermeture des frontières afin que les personnes qui ont commis ces crimes puissent être appréhendés. Nous savons d’où vient cette attaque. Nous devons faire preuve de compassion et de solidarité, mais nous devons également faire preuve d’unité. Face à la terreur, la France doit être forte, elle doit être grande. Nous devons aussi appeler chacun à la responsabilité. Ce que les terroristes veulent c’est nous faire peur, nos saisir d’effroi. Mais il y a face à l’effroi une nation qui sait se défendre. Nous n’avons pas terminé les opérations. C’est en ce moment que les forces de sécurité font assaut notamment dans un lieu à Paris.»

Declarațiile Președintelui american Barack Obama asupra atacurilor ce-au avut loc la Paris.

Autocarele militare au intrat în Paris.

Între timp Francois Hollande a decretat stare de urgență în urma căreia pe străzile din orașele franceze au ieșit militarii, iar hotarele țării au fost temporar închise.
toate instituțiile de învățământ își vor sista activitatea pentru ziua de mâine.

Ora 00:42 (CET), a început eliberarea #BataclanHall

O hartă cu locurile în care au avut loc atacurile în Paris.

Agenția rusă RIA citează poliția franceză: ”Un posibil atacator a fost arestat.”

Știrea se update-ază !

Încă 4 ani de oraș “European”

Europeni da? Europa da? PiDorin da?
Na vouă Europa acasă, mai duceți-o 4 ani in spate. Dar măcar tancurile rusești și trenul spre Siberia nu mai vine, aşa-i?
Fericiți? Vă simțiți salvatori ai națiunii?
Acest Член piciorul și-l bagă în voturile voastre că oricum știa că va fi falsificat totul ca-n 2011 cu Dodon. ( suburbia decide soarta capitalei, Halal ! )
Pentru cei ce nu știu, puterea acordată unui singur om mai mult de 8 ani ( 2 mandate ) îl face sa se-nbete de putere + reprezintă un mesaj clar că cetățenii sprijină corupția din primărie care multstimatul primar nici deget peste deget nu a lovit ca să o elimine.
Ce-i drept n-am voie sa ma răsfrâng atât de mult pentru că nu am fost la vot ( din motive fizice ) dar când mă întorc la Chisinau, de fiecare data văd nu un oraș european cum vrea să-l prezinte ”primarul”, ci un fost orasel dărăpănat din ex Uniunea Sovietica, doar că de această dată cu mii de gherete puse-n dodii pe strazi și mult mai multe construcții nu atât ilegale cât urate din punct de vedere estetic. Chişinăul nu merită statut de capitala în halul în care se află acum, mai degrabă un sat un pic mai mare și asta într-o buna măsură i se datorează și acestui ”primar competent” ( obiectiv să fiu a făcut câte ceva: drumul spre aeroport, Valea Mirilor, Strada Pietonală, pentru ultima se poate de tras de urechi mai mult decât de lăudat ) care oricum nu a reușit să facă mai nimic in 8 ani și cu atât mai mult nu va reuși nici în următorii 4; nu din lipsă de dorință ci din lipsă de profesionalism și verticalitate în decizii.
Ps: democrația înseamnă schimbare, iar 8 ani pentru un primar care se da competent sunt mai mult ca destui pentru a-şi arăta aptitudinile. Nimeni nu spune că piZina ar face mai bine, dar nici mai rău decât este acum Chişinăul nu ar fi devenit dacă ar fi câștigat socialiștii.
Amen. 🙂

credits: imagine baner preluată de pe posmotrel.info

Statul Islamic contraatacă

Atentate teroriste în Tunisia, Franța, Kuweit și Somalia.
În această după amiază mai multe atentate, 4 la număr, au avut loc în diferite colțuri ale lumii.

Primul atac a avut loc asupra Cartierului General al Ligii Africane în Somalia. Atacul nu s-a soldat cu victime având în vederea apariția promptă a forțelor de ordine.

Cel de-al doilea caz a avut loc în Franța la o uzină chimică din orășelul francez Saint-Quentin-Fallavier în apropiere de Lyon. În urma acestui atac barbar o persoană a fost decapitată de către islamiști anunță agenția de știri engleză the Mirror.

Uzina chimică din apropierea orașului Lyon. credits: BBC
Uzina chimică din apropierea orașului Lyon.
credits: BBC

Uzina chimică din apropierea orașului Lyon. Credits : BBC
Uzina chimică din apropierea orașului Lyon.
Credits : BBC

Un al treilea atac sângeros a avut loc într-o moschee șiită din capitala Kuweit-ului El-Kuweit. În urma exploziei unei bombe plasată în interiorul moscheii au fost ucise cel puțin 5 persoane, iar altele 15 au fost rănite.

Victime ale atacului cu bombă din orașul Kuweit. credits: BBC
Victime ale atacului cu bombă din orașul Kuweit.
credits: BBC

Moscheea din orașul Kuweit. Credits : BBC
Moscheea din orașul Kuweit.
Credits : BBC

Ultimul și cel mai sângeros atac s-a dovedit a fi cel din orașul tunisian Sus, o zonă frecventată de turiști străini ( ruși, englezi, americani ). În urma acestui atac au fost uciși 27 de oameni și tot atâția răniți. Martorii spun că au văzut 2 bărci din care au coborât niște oameni înarmați ( gruparea radicală Aș Șabab din Somalia afiliată Statului Islamic – vladgonta.com ) care au deschis un foc haotic îndreptat spre turiști și persoane aflate pe plajă.

Orașul tunisian SUS. Hotelurile lângă care au avut loc focurile de armă.
Orașul tunisian SUS. Hotelurile lângă care au avut loc focurile de armă. imagine: BBC